Blitz al mercato del pesce | Tarantobuonasera

09 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 08 Dicembre 2021 alle 22:53:00

Cronaca

Blitz al mercato del pesce

In via Di Mezzo le Fiamme gialle hanno sequestrato 300 chili di prodotti ittici, denunciato due persone ed elevato multe per oltre ventimila euro


TARANTO – Blitz della Guardia di Finanza al mercato del pesce della città vecchia. Nel bilancio dell’operazione il sequestro di 300 chili di prodotti ittici, la denuncia di due persone e multe per 20mila euro.I militari della Sezione Operativa Navale delle Fiamme Gialle  di Taranto, diretti dal capitano Vincenzo Casaregola, nei giorni scorsi, con il supporto di personale del servizio veterinario della locale Asl, hanno effettuato un controllo presso il mercato rionale di “San Giuseppe” in via Di Mezzo. Durante i controlli, quattro venditori sono stati sanzionati per l’esercizio abusivo della vendita di prodotti ittici, mentre un quinto  è stato sanzionato per aver omesso di esporre le previste “etichette” sul prodotto in vendita, che permettono ai consumatori di conoscere la provenienza del pescato. Inoltre, altri due sono stati denunciati a piede libero per la vendita dei cosiddetti “limoni di mare” specie ittica della quale la Regione Puglia, ha vietato la vendita per motivi igienico sanitari.
Al termine delle attività di controllo, quindi, la Finanza  hanno elevato sanzioni a per oltre 21mila euro e sottoposto a sequestro 274 chili di frutti di mare di incerta provenienza, che sono stati subito distrutti, su disposizione del personale della Asl di Taranto, con un compattatore dell’Amiu. Invece 35 chili di pescato sono stati consegnati dai militari alla Casa Famiglia “La Mimosa” e alla mensa della Parrocchia “San Pio X” dopo la verifica del prodotto sul piano della sicurezza alimentare da parte dei medici veterinari. Analoga destinazione aveva avuto, qualche giorno prima, il pescato sottoposto a sequestro dall’equipaggio di una vedetta della Sezione Operativa Navale tarantina, ad un pescatore abusivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche