28 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 28 Settembre 2021 alle 21:49:00

Cronaca

Dagli studenti cori e proposte: alternative economiche pulite

Hanno invocato “salute, ambiente, lavoro”, ma anche alternative economiche pulite. Venerdì sera il corteo dal Palamazzola a Piazza della Vittoria


TARANTO – Un successo, di partecipazione e di contenuti, la manifestazione ambientalista organizzata ieri dal Movimento Studentesco, chiamata “DifendiAMO Taranto. In corteo hanno sfilato migliaia di studenti, precari, disoccupati, oltre ad associazioni, movimenti, comitati e semplici cittadini.
I giovani di Taranto hanno invocato “salute, ambiente, lavoro”, ma anche alternative economiche pulite. L'iniziativa ha inteso ribadire il no della città al progetto “Tempa Rossà” della jont venture Total, Shell e Mitsui, che prevede lo smistamento a Taranto del petrolio proveniente dal giacimento della Basilicata. Gli ambientalisti temono un aumento dell'impatto inquinante delle grandi industrie. L'iter ora viene agevolato grazie a un emendamento alla legge di stabilità del governo. Inoltre, si chiede una riconversione che salvi la città dalla monocultura siderurgica legata ai destini dell'Ilva. Il corteo è partito dal Palamazzola per raggiungere Piazza della Vittoria.
Lo slogan degli studenti è stato “A tutti i tarantini, non stateci a guardare scendete in strada a protestare”.  Diversi i cartelli e gli striscioni mostrati dai manifestanti: 'Lavoro pulito, turismo e cultura, diciamo no all'ennesima fregatura, stop Tempa rossà, 'Taranto liberà, 'Vietato respirarè, 'Inquinamento meno ti vedo meglio mi sentò, 'L'alternativa siamo noi, riprendiamoci tuttò, 'Olio, petrolio, benzina e minerale, appoggiare Tempa rossa per uno stato criminalè, 'Il sapere rende liberi, l'ignoranza prigionieri, + cultura – industria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche