Cronaca

Marò, martedì Renzi a rapporto da Napolitano

Il Quirinale contro l’India


Colloquio tra Matteo Renzi e Giorgio Napolitano, martedì, sul caso marò. Il destino di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone è una spina per l’anziano presidente della Repubblica prossimo al commiato. E lo farà presente nell’annunciato faccia a faccia con il giovane premier.

L'assicurazione di un processo "rapido e corretto" per i Marò ricevuta un anno fa dall’ambasciatore indiano "è rimasta una frase:ci sono state prove molto negative, scarsa volontà politica di dare una soluzione equa e un malfunzionamento della giustizia indiana che non è solo italiana". Così Napolitano in collegamento con il marò Salvatore Girone. Dall’India sono arrivate "prove molto negative", ha proseguito il capo dello Stato in collegamento con l’India. "Ringrazio il presidente Napolitano: sono ancora fiducioso nelle nostre istituzioni nonostante tutto quello che è accaduto negli ultimi tre anni" la risposta del fuciliere.

Il bilancio del semestre europeo a guida italiana, che si sta per chiudere, è “drammaticamente negativo” secondo il leader della Lega Nord Matteo Salvini. Interpellato a margine di una iniziativa a Milano, Salvini ha risposto che “il bilancio si traccia in 12 secondi, è zero”. “Che cosa – ha continuato – ha ottenuto l’Italia? Zero: made in Italy zero, Marò zero, tutela dell’agricoltura zero, quindi bilancio drammaticamente negativo”. Fino alla mezzanotte del 24 dicembre i sostenitori dei fucilieri di Marina, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, vogliono “inondare il web, pubblicando ovunque”, in particolare sui social network “dei politici”, una foto in cui i marò sono ritratti sullo sfondo di addobbi natalizi.

"Riprendiamoci i marò": questo è il testo dello striscione esposto dagli ultrà del Bari in curva Nord al termine del primo tempo della gara con il Latina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche