23 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Aprile 2021 alle 12:23:14

Cronaca

Armi, droga ed estorsioni: 41 in aula


TARANTO – A distanza di otto anni dal blitz caratterizzato da una raffica di ordinanze di custodia cautelare, approda a dibattimento il procedimento che vede imputati uomini della vecchia e nuova mala di Taranto. L’operazione venne ribattezzata “Principio” perchè gli inquirenti ritennero di aver stroncato sul nascere una possibile nuova guerra di mala. Associazione per delinquere, spaccio di droga, ma anche furti ed estorsioni e ricettazione: è il corollario di accuse per gli imputati che, secondo le accuse, avrebbe ramificato i loro affari anche nel Nord Italia.

Oggi è stato assegnato l’incarico peritale sulle intercettazioni, decisive in sede di indagine. Indagini che presero il via nel 2002, dopo che a Ferragosto Aldo e Vito Vuto furono oggetto di un agguato nei pressi di un bar di Gandoli. E’ da quell’episodio – per il quale finì in manette Enrico Urgesi – che prese il via il lavoro di intelligence degli investigatori, con l’ausilio di intercettazioni telefoniche ed ambientali, pedinamenti, intercettazioni. Un’indagine complessa, che sfociò prima negli arresti, e successivamente nel procedimento giudiziario scandito dalle richieste di rinvio a giudizio. Ora, come detto, entra nel vivo il procedimento vero e proprio, e sono numeri da “maxi-processo” quelli che si sono visti in tribunale a Taranto. L’obiettivo è quello di procedere a tamburo battente per una vicenda giudiziaria che orbita attorno al sottobosco della malavita tarantina attiva nei primi anni del 2000, ed in piena riorganizzazione. Per evitare che i gruppi rivali tornassero a farsi la guerra, scattò la maxi operazione caratterizzata da una serie di ordinanze di custodia cautelare. Quindi l’approdo in tribunale, prima davanti al giudice dell’udienza preliminare, poi in sede di dibattimento con la nuova tappa che si è celebrata stamattina nel Palazzo di Giustizia di via Marche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche