25 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 25 Settembre 2021 alle 10:41:00

Cronaca

Tre liti prima dell’agguato. I retroscena dell’omicidio ai Tamburi

Scazzottate anche per motivi banali tra la vittima, Cosimo Denaro e i presunti autori del delitto, i fratelli Potenza e Longobardi


Tre liti prima dell’agguato. Scazzottate forse per fatti di droga, ma, a quanto pare, anche per motivi banali. Tra Cosimo Denaro, ucciso con una fucilata la sera dell’Epifania in piazza De Amicis e i fratelli Potenza e il loro amico Longobardi non correva buon sangue. Dopo cinque giorni di continue indagini sabato sera i poliziotti della Squadra Mobile hanno fermato il 23enne Cosimo Potenza e il 28enne Francesco Longobardi.

Il 32enne Benito Potenza, che è ritenuto l’autore materiale, del delitto, è ancora uccel di bosco.  Gli stanno dando la caccia gli agenti diretti dal dottor Pititto.

Cinque giorni di indagini a tamburo battente con  una raffica di  perquisizioni e di interrogatori di testimoni e di persone ritenute sospette. Dopo aver passato al setaccio anche i filmati delle telecamere di videosorveglianza, i poliziotti hanno stretto il cerchio attorno ai presunti autori e sabato sera hanno eseguito i due fermi emessi dal sostituto procuratore Daniela Putignano, con le accuse di omicidio e sequestro di persona.

La sera dell’Epifania i tre a bordo di un’auto bianca avrebbero raggiunto il circolo privato situato  n piazza De Amicis al cui interno vi erano numerose persone. Secondo l’accusa avrebbero fatto irruzione nel club, a viso scoperto e armati di fucile a canne mozze e di due pistole, in attesa che arrivasse Cosimo Denaro.  Avrebbero impedito ai presenti di abbandonare il circolo e sequestrato a tutti i telefonini cellulari.

Dopo una decina di minuti Denaro è arrivato in piazza De Amicis con moglie e sorella, e è stato ammazzato con un solo colpo di fucile. E’ deceduto dopo il ricovero all’ospedale “San Giuseppe Moscati”.

I killer i si sono dati alla fuga, mentre le persone che erano all’interno del circolo si sono eclissate prima dell’arrivo della polizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche