20 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Ottobre 2021 alle 22:59:00

Cronaca

Uccise l’ex pugile: la pena ridotta a venti anni

Delitto Marinelli, Venza condannato in corte d’Appello


GROTTAGLIE – Omicidio dell’ex pugile Alessio Marinelli: Vincenzo Venza condannato a 20 anni di reclusione in corte d’Appello.

Si era chiuso a tempo di record il giallo sull’uccisione dell’ex pugile grottagliese, vittima di un agguato in una piazza al centro del suo paese. A crivellarlo di colpi, proprio Vincenzo Venza che confessò il delitto e disse di aver agito per paura di essere a sua volta ammazzato. In primo grado era stato condannato a 30 anni, in appello è caduta la premeditazione. Venza, che è difeso dagli avvocati Fabrizio Lamanna e Franz Pesare, secondo l’accusa avrebbe premuto più volte il grilletto. I familiari dell’ex pugile in primo grado si sono costituiti parte civile tramite gli avvocati Biagio Leuzzi e Ciro D’Alò ed hanno chiesto un risarcimento di 10 milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche