26 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 26 Settembre 2021 alle 20:36:00

Cronaca

Pinto è sindaco di Mottola


MOTTOLA – Era già al lavoro stamattina il nuovo sindaco Luigi Pinto. Eletto con il 51,15% è l’unico sindaco della provincia ionica decretato al primo turno. Ha incontrato funzionari e dirigenti che già conosceva dal momento che è consigliere comunale uscente del Pd. Medico e consigliere provinciale ha le idee chiare: “La macchina amministrativa va organizzata al meglio ed al più presto”. Non intende perdere tempo e per la prossima settimana conta di convocare il consiglio comunale per la proclamazione degli eletti, la nomina degli assessori e l’approvazione del bilancio.

Luigi Pinto vince con uno stacco di circa 1.500 voti sull’antagonista del centrodestra il consigliere uscente Angelo Lattarulo, erede dell’uscente sindaco Giovanni Quero che ha amministrato la città per dieci anni e contro Angela Agrusti del Terzo Polo. Sindaco si aspettava la vittoria? “Mi aspettavo un successo, non certo di queste proporzioni. Me l’aspettavo perchè in campagna elettorale abbiamo dato un messaggio sulle priorità e sui programmi e soprattutto abbiamo lavorato nel segno del rinnovamento che dopo dieci anni di centrodestra è sintomatico. Nella nostra squadra di candidati ci sono molte persone che si affacciano per la prima volta alla politica e questo sicuramente è stato un elemento premiato dagli elettori rispetto ad un centrodestra che, invece, si è presentato con un messaggio elettorale incentrato prevalentemente su esternazioni riguardanti i candidati e non su un reale programma”. Parlando appunto di programmi su cosa intende puntare da subito la sua attività amministrativa? “Nel primo anno gli obiettivi saranno certamente l’edilizia, la sostenibiltà ambientale, i servizi sociali ed il lavoro, non trascurando certamente l’impiantistica scolastica per la quale da consigliere provinciale mi sono già adoperato”. Sa già chi sarà il suo braccio destro, ovvero chi nominerà vice sindaco? “Non ho preferenze, l’indicazione che intendo dare ai partiti è di puntare sulle competenze. Tra gli eletti abbiamo una rosa di nomi capaci e certamente preparati ad affrontare l’attività amministrativa. Ma quel che più conta è che abbiamo una squadra coesa che certamente consentirà la migliore governabilità della città che ha tanti, anzi troppi problemi e nodi da sciogliere. La mia presenza in Consiglio già stamattina è un segnale di volontà ad affrontare da subito le questioni pendenti”.

M.D.B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche