11 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 11 Aprile 2021 alle 08:18:52

Cronaca

Stefàno, maggioranza certa


TARANTO – Giochi fatti, o quasi, per la composizione del prossimo consiglio comunale. Al di là dell’esito del ballottaggio Stefàno-Cito, le notizie ancora ufficiose consegnano un quadro chiaro della prossima assise cittadina. La maggioranza, infatti, sarà comunque di centrosinistra. Se anche Mario Cito dovesse riuscire nell’impresa (titanica) di colmare il gap con il sindaco uscente e vincere, non otterrebbe un numero di consiglieri tale da raggiungere la metà più uno dei voti in municipio. Una realistica ipotesi di consiglio comunale consegna numeri impressionanti a Stefàno.

Su trentadue consiglieri, a sostenerlo sarebbero in venti. Il gruppo più numeroso, quello del Partito Democratico, arriva a sette. Cinque i rappresentanti degli Sds, due a testa per Sinistra Ecologia e Libertà e per l’Udc. Un rappresentante anche per La Puglia per Vendola, Ambiente e Lavoro, Api ed Italia dei Valori. Questo per restare nel campo dei fedelissimi di Stefàno, che pure nella consiliatura appena conclusa ha perso per strada diversi pezzi di maggioranza. Un precedente non proprio incoraggiante. Tutta da capire è la direzione che prenderanno tre prossimi consiglieri. Si tratta degli ormai ex candidati a sindaco Dante Capriulo (Noi Democratici), Angelo Bonelli (Ecologisti) e del rappresentante di Rinascere, altra lista che ha appoggiato il presidente nazionale dei Verdi. Difficile che possano essere considerati assimilabili o vicini al centrodestra, ridotto a sparuta minoranza. La pattuglia di At6 arriva a quota sei seggi, mentre gli alfieri del Popolo della Libertà sarebbero soltanto tre: conseguenza del risultato decisamente negativo conseguito nelle urne. Per Ippazio Stefàno, in caso di bis sulla poltrona più alta di Palazzo di Città, la strada per governare appare in discesa. Discorso opposto, invece, per Cito junior.

G.D.M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche