27 Novembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Novembre 2021 alle 18:44:00

Cronaca

Sgominato il clan dei cantieri


TARANTO – Rubavano pale meccaniche poi le spedivano nell’Italia settentrionale o in Africa. All’alba di oggi gli agenti della Polizia Stradale di Taranto, in collaborazione con i loro colleghi di Caserta e Salerno, dei Commissariati di Martina Franca e Ostuni e con i carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Gioia del Colle, hanno denunciato in stato di libertà 13 persone per furto, ricettazione di macchinari da lavoro e detenzione e porto abusivo di armi. Sei sono tarantini (Pulsano, Lizzano, Martina Franca, Castellaneta e Ginosa) gli altri della provincia barese (nel territorio di Gioia del Colle) e delle province di Brindisi, Caserta e Salerno.

Le indagini della operazione “Escalation” sono partite lo scorso mese di gennaio, dopo il furto di due escavatori ai danni di aziende del territorio di Mottola. La lunga attività investigativa ha permesso di incastrare un articolata organizzazione dedita al furto di grossi macchinari da lavoro ed alla loro commercializzazione sia sul mercato nazionale che estero. Nelle prime ore di questa mattina, come detto, gli agenti diretti dal dottor Giacomo Mazzotta e dall’ispettore Salvatore Accogli hanno eseguito numerose perquisizioni contemporaneamente sia in alcuni centri della provincia ionica che nelle province di Caserta, Salerno e Bari. Nel corso degli accertamenti sono stati rinvenuti quattro esca–vatori, un autocarro ed un grosso propulsore per veicoli industriali, oltre che numerose targhe automobilistiche contraffatte ed una rilevante quantità di documenti che confermano il giro illecito. Inoltre nel corso delle perquisizioni sono stati anche recuperati e posti sotto sequestro tre fucili e numerose munizioni detenuti illegalmente. Gli investigatori della Stradale tarantina stanno indagando sul furto, nel territorio jonico, di sette e-scavatori per valore che supera il milione di euro. Le pale meccaniche rubate in aziende specializzate nel movimento terra venivano poi riciclate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche