14 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Aprile 2021 alle 15:33:31

Cronaca

Paolo VI, preso dopo il furto nel convento

TARANTO – Preso dalla polizia dopo il furto in un convento. Nel tardo pomeriggio di ieri gli agenti della Squadra Volante hanno arrestato Giuliano Cecere, tarantino di quarantacinque. I poliziotti dopo una segnalazione giunta alla sala operativa della Questura, intorno alle 18 sono piombati nei pressi di un convento situato nel quartiere Paolo VI, dove era stato segnalato un furto da parte di alcune persone. Giunti sul posto gli agenti hanno rintracciato, a poca distanza dal convento, un uomo, poi identificato in Cecere, che, come segnalato in precedenza, era a bordo di un motocarro che era stato bloccato dai due custodi della struttura religiosa.

Questi ultimi rincasando lo avevano sorpreso mentre caricava materiale di loro proprietà sull’apecar. Dopo aver fermato il quarantacinquenne i poliziotti hanno proceduto ad una accurata ispezione accertando che l’uomo, approfittando dell’assenza dei due responsabili del convento, usciti da poco meno di un’ora, era riuscito ad entrare nel cortile e a portar via, probabilmente con l’aiuto di un complice, dal locale adibito a magazzino, attrezzi da lavoro e materiale ferroso. Li aveva accatastati poco fuori dal perimetro del convento con l’intenzione di caricarli poi sul suo motocarro. Dopo quanto accertato il quarantaciquenne tarantino è stato condotto negli uffici della Questura e dichiarato in arresto. Sempre ieri, nel capoliuogo ionico, i carabinieri del Nucleo Investigativo presso il Comando provinciale, hanno eseguito un ordine di carcerazione emesso il 5 maggio scorso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Taranto, nei confronti del 59enne tarantino, Nicola G. Deve scontare tre anni e mezzo di reclusione per il reato di ricettazione, commesso nel capoluogo ionico nel ‘97.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche