24 Gennaio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Gennaio 2021 alle 14:34:27

Cronaca

Siderurgico nella bufera. Indotto, riprendono i blocchi

Nuovo “stop” oggi sulla 106, mentre resta libera la strada per Bari


E’ ripresa stamattina, con un blocco stradale sulla statale 106, all’ingresso della città, la mobilitazione dei lavoratori dell’indotto Ilva che non percepiscono da mesi lo stipendio e chiedono garanzie per l’ occupazione.

Operai e rappresentanti sindacali si sono ritrovati sotto la sede del Municipio – dove prosegue l’occupazione simbolica dell’aula del consiglio – e hanno quindi deciso di attuare una nuova forma di protesta. Un corteo, partito proprio da Palazzo di Città, ha attraversato la città vecchia e si è diretto proprio verso la statale 106, dove è interdetto il traffico veicolare e viene impedito l’ingresso delle autobotti nella raffineria Eni. Contemporaneamente, si è tenuto un presidio sotto la prefettura dei titolari delle ditte dell’appalto (ne riferiamo a pagina 2) che vantano crediti nei confronti dell’Ilva e che temono di perdere tutto dopo il passaggio dell’azienda all’amministrazione straordinaria. Domani, martedì 27, alle 19 i sindacati sono stati convocati al ministero dello Sviluppo economico per discutere della vicenda Ilva nel suo complesso ed affrontare il nodo degli ammortizzatori sociali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche