Cronaca

Febbre da ballottaggio


TARANTO “I dati relativi ai candidati consiglieri non saranno pubblicati sul sito istituzionale del Comune di Taranto sino a quando l’Ufficio Elettorale Centrale non avrà completato le operazioni di verifica”. E’ quanto si legge in una nota a firma del responsabile unico del procedimento elettorale Rosa De Benedetto in riferimento alla ufficializzazione delle preferenze dei candidati. Bisognerà continuare ad attendere la pubblicazione sul sito del Comune per mettere il sigillo dell’ufficialità ai voti assegnati ai candidati alle elezioni comunali. Intanto, in città, cresce l’attesa per il ballottaggio che, il 20 ed il 21 maggio, vedrà sfidarsi il sindaco uscente Ippazio Stefàno e l’esponente di At6 Mario Cito.

C’è chi esulta per il risultato ottenuto e chi lancia un appello ai tarantini affinché si rechino alle urne. “Nel ringraziare tutti coloro che hanno sostenuto la coalizione votando il Psi assieme a La Puglia per Vendola, appoggiamo pienamente il sindaco Ippazio Stefàno – afferma Salvatore Mattia, segretario cittadino del Partito Socialista – al quale auguriamo piena vittoria al prossimo voto di ballottaggio del 20 e 21 maggio 2012, ricordando in nostro contributo del 4,57%. Personalmente mi auguro che il sindaco Stefàno possa avere il massimo dei consensi, ed invito i cittadini a non disertare il ballottaggio, visto il già precedente astensionismo del 40%”. Esulta anche l’Udc. “Sia nella città di Taranto che negli altri Comuni chiamati al voto, abbiamo ottenuto ottimi risultati – spiega Mimmo Lariccia, vice segretario provinciale dell’Udc – il nostro partito ha dimostrato di essere trainante per la elezione dei sindaci già al primo turno e per il raggiungimento del turno di ballottaggio. I risultati di questa tornata elettorale però, devono servire da stimolo per raddoppiare gli sforzi e proseguire su questa strada. Il cammino è ancora lungo ma le premesse sono incoraggianti”. Soddisfazione anche in casa Pd che stamattina ha accolto Stefano Fassina, responsabile nazionale Economia e Lavoro del Partito Democratico. Con il 16% delle preferenze i “democratici” risultano essere il primo partito della città. “Dalle elezioni regionali del 2010 alle elezioni comunali 2012, il Partito democratico si conferma forza maggioritaria di governo del territorio ionico – afferma Fabio Ligonzo, componente dell’assemblea cittadina del Pd. E’ sicuramente un premio al duro lavoro che in questi anni hanno profuso, l’assessore regionale al bilancio Michele Pelillo e i consiglieri comunali eletti, che negli ultimi cinque anni hanno ben governato la città. Basti pensare ai due presidenti uscenti, Azzaro e Di Todaro, rispettivamente di Montegranaro-Salinella e Paolo VI, le periferie della nostra città. Dobbiamo continuare a riqualificare le periferie, affrontare quindi una più complessiva rigenerazione della città nel suo complesso. Per far ciò bisognerebbe riconfermare la decisione già assunta il 6 e 7 maggio, dalla maggioranza degli elettori. Stefàno sindaco di Taranto”. Dichiarazioni che fanno da contraltare a quelle rese da Michele Patano che, con la lista At6, non ha centrato l’elezione in Consiglio. “Il voto è stato inficiato da gravi errori. E’ stato consolidato un sistema in cui il consenso è legato a fattori personali e assolutamente indipendente dalla condivisione di valori e programmi. Rimane l’amaro di chi trae la convinzione che il sistema politico continua a non corrispondere alle esigenze di reale cambiamento che Taranto richiede”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche