Cronaca

Avvocati, lunedì il neo Presidente dell’Ordine di Taranto

Una “tre giorni” di votazioni nell’aula “Miro” di palazzo di giustizia. Fino a stamattina avevano espresso le loro preferenze 1930 toghe


All’inizio della prossima settimana, non è escluso già lunedì, si potrebbero conoscere i nomi del nuovo presidente e dei 21 neo consiglieri dell’ordine degli avvocati.

Sabato alle 13.30 si sono chiusi i seggi allestiti nell’aula “Miro” del tribunale di via Marche. Fino a ieri mattina avevano votato 1930 avvocati (960 giovedì e 970 venerdì).
Le elezioni sono state indette dal Consiglio uscente, presieduto dall’avvocato Angelo Esposito, (nel riquadro) che in questa “tre giorni” di votazioni ha anche presieduto la commissione elettorale, in virtù della decisione del Tar Lazio che ha respinto l’istanza con cui si chiedeva la sospensione del regolamento di votazione approvato dal ministero della Giustizia a novembre scorso.

Con la nuova tornata elettorale il Consiglio dell’Ordine passerà dagli attuali 15 consiglieri a 21.

Tre  i candidati alla successione del presidente Angelo Esposito, alla guida dell’ordine per undici anni e cinque mandati: Fedele Moretti, attuale tesoriere, Enzo Di Maggio, consigliere dell’Ordine e presidente della Scuola forense e Rocco Maggi, noto penalista, già sottosegretario alla Giustizia.

Nei giorni scorsi, intanto, si è costituito a Lecce il Consiglio distrettuale di disciplina per il quadriennio 2015/2018. Il consesso sarà presieduto dall’avvocato Antonio De Giorgi ed annovera fra i vice presidenti l’avvocato Egidio Albanese, già presidente dell’ordine forense ionico.

A dicembre scorso gli ordini di Lecce, Brindisi e Taranto hanno eletto all’unanimità il presidente Esposito quale consigliere nazionale forense, la massima assise forense, per il distretto di Corte d’Appello di Lecce.

L’avvocato Esposito sarà per quattro anni uno dei 33 consiglieri nazionali del Cnf, l’organismo di rappresentanza istituzionale dell’avvocatura italiana che svolge ruolo di rappresentanza con le massime istituzioni governative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche