Cronaca

Tagliano la “Speranza” dei giovani

Dopo 52 edizioni il concorso pianistico “International Piano Competition” rischia di essere sospeso o comunque drasticamente ridimensionato


Si è tenuta, ieri mattina, nella sede dell’Istituto superiore di studi musicali “Giovanni Paisiello”, la conferenza stampa pubblica indetta dagli Amici della Musica “Arcangelo Speranza” allo scopo di illustrare a giornalisti, cittadini ed autorità la concreta possibilità che quest’anno, dopo ben 52 edizioni, l’associazione sospenda – o ridimensioni drasticamente – l’International Piano Competition, manifestazione da sempre finalizzata alla valorizzazione di giovani pianisti.

Solidarietà è stata espressa a Paolo Ruta – presidente degli Amici della Musica – e al M° Marco Vincenzi – direttore artistico del concorso – da parte dei presenti e, soprattutto, dai docenti e dagli allievi del Paisiello in questi giorni, tra l’altro, in attesa di concreti segnali circa la statizzazione del concorso.

Tra le società più antiche di concerti (è stata fondata nel lontano 1922), gli Amici della Musica istituirono l’evento per volere dell’allora presidente, l’architetto Arcangelo Speranza che coadiuvato dai soci Riccardo Albano, Pierluigi Ruggio, Giovanna Sottomano, Dino Milella, Lucy di Palma, colse la sfida non solo per arricchire l’attività dell’associazione, ma anche per creare qualcosa che le desse un’identità inequivocabile. E che nel tempo, come in effetti è accaduto, uscisse dai confini locali, da quelli nazionali per conquistare il meritatissimo posto di rilievo di cui oggi gode a livello internazionale.

Tanti i talenti che, edizione dopo edizione, hanno trovato spazio e sono divenuti protagonisti nel mondo pianistico internazionale.

Grazie alla stretta collaborazione con il Paisiello (l’Orchestra dell’Istituto è stata, spesso, messa a disposizione dei finalisti per consentire loro di cimentarsi con una vera formazione orchestrale) e per volere della municipalità, per qualche anno il concorso si è avvalso del titolo “Premio Città di Taranto”. Innumerevoli anche le iniziative collaterali alla manifestazione nate proprio grazie alle cooperazione con altri organismi del territorio.

Fra tutti il “Lisippo” (agli alunni  del Liceo Artistico si deve la realizzazione del materiale grafico) e le  Poste Italiane, per l’emissione di annulli speciali figurati e di cartoline celebrative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche