17 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 17 Aprile 2021 alle 18:16:49

Cronaca

“Difenditi da Equitalia”. Codici lancia l’Sos


TARANTO – L’associazione Codici apre lo sportello “Sos Debiti: difenditi da Equitalia”. Nei prossimi giorni nella sede di via Campania, al civico 63, saranno messe a disposizione dei cittadini consulenze legali e psicologiche. La campagna nazionale è partita da appena quattro giorni e già ha fatto il pieno di segnalazioni. La media è di quindici chiamate al giorno. Cittadini e imprenditori con grossi problemi economici causati da super cartelle esattoriali. Tra le problematiche la non corretta identificazione del debitore, errori di calcolo, irregolarità nella notifica della cartella, cartella di pagamento riferita ad un verbale il cui credito risulta prescritto.

A livello nazionale lo sportello “Sos debiti: difenditi da Equitalia” è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19. Tel. 06/5571996. Sulla questione si è registrato l’intervento della senatrice Adriana Poli Bortone. “Il Governo intervenga immediatamente per cambiare la normativa che attualmente regola Equitalia -dice la cofondatrice di Grande Sud – non si può indulgere oltre, perché occorre evitare qualsiasi motivo che generi ulteriori conflitti e violenze. La profonda e lunga crisi che sta attraversando l’Italia e l’Europa, al di là dei vincoli comunitari, impone ai singoli governi di creare regole di flessibilità adeguate alle condizioni socio-economiche di ogni specifico paese. Gli italiani sono già vessati da un numero inverosimile di tasse dirette ed indirette, spesso esosissime, e nella difficilissima situazione attuale non è più ammissibile che addirittura si perpetui per legge la tassazione sulle morosità. Le tasse sulle tasse sono sentite come profondamente ingiuste, e possono facilmente indurre a gesti inconsulti e disordini sociali. Una cosa che il cittadino non comprende, poi, -aggiunge- è come mai Equitalia, e cioè lo Stato, possa intervenire con violenza nell’economia di famiglie e imprese per pretendere non solo il dovuto, ma anche l’interesse su questo; ed allo stesso tempo, lo stesso Stato – attraverso la Pubblica Amministrazione – possa essere così colpevolmente inadempiente nei riguardi dei pagamenti verso i suoi creditori. Anche qui un provvedimento di compensazione fra i crediti che il cittadino vanta nei confronti della PA ed i debiti è dovuto in tempi brevissimi, con riferimento a tutta la Pubblica Amministrazione, dai ministeri agli enti locali. Ed occorre porre rimedio al disequilibrio sui tassi di interesse dovuti dai cittadini per le imposte non pagate, che sono assolutamente diversi da quelli dovuti dalla Pubblica Amministrazione per i crediti chiusi in ritardo”. Intanto c’è uno sportello di ascolto di Equitalia in Confindustria Puglia. Dopo l’attivazione del numero verde a sostegno degli imprenditori, si vuole intraprendere una strada di collaborazione tra Equitalia Sud e le aziende, in particolare con quelle che, in questo momento di crisi economica, si trovano in un stato di notevole disagio finanziario. All’incontro hanno partecipato il presidente di Confindustria Puglia, Angelo Bozzetto, il presidente di Fidindustria Puglia, Vitopaolo Nitti, la delegata al credito degli industriali pugliesi, Patrizia del Giudice, Alessandro Migliaccio, direttore regionale Puglia Equitalia Sud, con Alfonso Coppola, direttore provinciale di Bari e Cosimo Brigida, responsabile del servizio relazioni con i contribuenti. “Con l’istituzione di questo sportello – ha sottolineato il presidente Bozzetto – si vuole offrire agli imprenditori, in casa loro, uno spazio dove affrontare con la consulenza di personale qualificato di Equitalia Sud le problematiche connesse alla materia fiscale. Il momento è di estrema difficoltà e abbiamo tutti il dovere di semplificare l’iter comunicativo Confindustria, Equitalia e Imprese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche