Cronaca

Nella morsa della crisi: aiuti per famiglie e imprese. Equitalia sott’accusa

L’impegno di Confartigianato per il processo di “esdebitazione”


“Un provvedimento che avrebbe consentito, negli anni passati, a molti piccoli imprenditori di non chiudere le proprie aziende o addirittura di lasciarsi andare ad atti suicidi”.

E’ diventata operativa la procedura di esdebitazione prevista dalla legge 3/2012. Confartigianato Imprese Taranto rende noto che finalmente dopo tre anni dall’emanazione della legge si concretizza il regolamento per aiutare famiglie e imprese in crisi.

“Una precedura – spiega il segretario provinciale di Confartigianato, Fabio Paolillo – prevista anche per le famiglie che hanno maturato notevoli debiti o che si trovano per ragioni legate alla mancanza di lavoro a non poter far fronte agli impegni assunti.  Tra i debiti vanno anche compresio quelli con Equitalia. Il debitore persona fisica, lavoratore autonomo o piccolo imprenditore, può trovare un accordo con i suoi creditori per saldare in tutto o in parte i propri debiti e ripartire da zero senza un carico a volte insostenibile.

Lo prevede la legge n. 3 del 2012 (nota come legge sul sovrindebitamento) che dopo tre anni di assestamento ha finalmente trovato una applicazione concreta e la possibilità di dare una risposta a migliaia di debitori in situazioni problematiche. Ricordiamo che la legge in questione, adottata anche su pressioni della Banca mondiale, chiude un vuoto normativo presente nel nostro ordinamento e allinea l’Italia agli altri paesi occidentali. In pratica si consente al debitore in difficoltà di proporre ai creditori un accordo di ristrutturazione dei debiti sulla base di un piano che prevede la soddisfazione dei crediti in qualsiasi forma, anche mediante cessione di crediti futuri. Il piano può prevedere la moratoria fino a un anno dall’omologazione per il pagamento dei creditori muniti di privilegio, pegno o ipoteca. Ma l’elemento della legge in grado di incidere sensibilmente sulla posizione del debitore in difficoltà, sta nella possibilità di sospensione di ogni azione individuale esecutiva da iniziarsi o già in corso. L’esecuzione dell’accordo prevede la possibilità di nominare un liquidatore che sovrintenda alla realizzazione. L’esdebitamento, quindi, dovrebbe garantire il debitore onesto e in difficoltà dal rischio di perdere tutto e i creditori insoddisfatti di ottenere il pagamento in termini certi o almeno di evitare le lungaggini e le incertezze della procedura esecutiva ordinaria.

Ovvio che non si può eliminare il rischio che questa procedura attiri profittatori e furbacchioni in cerca di facili scappatoie per evitare di pagare i propri debiti. Se ben gestito, però, potrà anche consentire di rimettere in pista un debitore problematico e di soddisfare al meglio e in tempi rapidi, gli interessi dei suoi creditori. Di questi tempi, non è poca cosa”.

Tutte le persone e gli imprenditori interessati potranno partecipare ad un incontro illustrativo ed informativo sull’opportunità che si terrà lunedi 9 febbraio alle 18 presso la sede di Confartigianato in via Cesare Battisti n. 135 a Taranto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche