Cronaca

Sotto chiave auto e soldi di due tarantini per un valore di 135mila euro

Sequestro antimafia eseguito dalla Guardia di Finanza


Codice antimafia: sequestrati 135mila euro. I militari del Comando provinciale di Taranto, a conclusione di accertamenti eseguiti sulla base di quanto previsto dal  “Codice antimafia’”, hanno sequestrato, nel capoluogo jonico, cinque autovetture e disponibilità finanziarie, per un valore complessivo di circa 135 mila euro, nei confronti di due tarantini, i cui “curricula” delinquenziali evidenziano diverse condanne per i reati di associazione di tipo mafioso, furto, rapina, ricettazione e detenzione illegale di armi e munizioni.

Uno di loro risulta altresì condannato, in concorso, per reati di usura, estorsione ed in materia di stupefacenti.

Il provvedimento di sequestro, emanato dal Tribunale di Taranto sulla base di una richiesta della Procura della Repubblica alla stessa sede, scaturisce da accertamenti patrimoniali sviluppati dal gruppo di Taranto che hanno riguardato anche i relativi nuclei familiari ed hanno evidenziato una elevata sproporzione con il tenore di vita condotto, atteso che i medesimi non svolgono alcuna attività lavorativa, né risultano, in maniera diretta o tramite interposta persona, titolari di attività d’impresa.

Gli ultimi redditi dichiarati, peraltro di esigua entità, risalgono al 2008.

L’attività di servizio nello specifico settore, finalizzata a ricostruire ed aggredire ogni forma di ricchezza illecita, è stata eseguita, come ricordato, sulla base delle disposizioni del “Codice antimafia” che prevede, infatti, l’applicazione delle misure di prevenzione patrimoniali a carico di soggetti ritenuti abitualmente dediti a traffici delittuosi, ovvero che vivono abitualmente con i proventi di attivita’ illecite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche