Cronaca

Scatta il dissequestro delle aree interne al cimitero di Talsano

Dopo l’appello del Sindaco


Dissequestrate le aree all’interno del cimitero di Talsano destinate alla costruzione di cappelle sociali.

Il Sostituto procuratore della Repubblica, Maurizio Carbone ha accolto la richiesta di dissequestro delle aree destinate alla costruzione di cappelle sociali e dei campi di inumazione del nuovo cimitero di Talsano “Santa Maria Porta del Cielo” avanzata nei giorni scorsi dal sindaco, Ippazio Stefàno.

Il primo cittadino si era rivolto al magistrato affinché valutasse la possibilità di “dissequestrare le aree del cimitero sulle quali gravano vincoli giudiziari in ragione della necessità di disporre di un maggior numero di posti di seppellimento delle salme. Una risoluzione, dunque, che risponde alle legittime aspettative di tanti cittadini – si legge in una nota di Palazzo di Città – soprattutto quelli del versante orientale della città, che avevano manifestato al sindaco le oggettive difficoltà di reperimento di posti disponibili per il seppellimento dei propri congiunti presso il cimitero a loro più vicino. Il magistrato, con grande sensibilità, ha accolto le ragioni dell’appello rivolto dal sindaco ed ha disposto il dissequestro delle aree destinate alla costruzione di cappelle sociali da parte delle società di mutuo soccorso e dei campi di inumazione, non sussistendo più per quella porzione di suoli esigenze di cautela giudiziaria. Si raggiunge così un doppio risultato: maggiore disponibilità di posti e, non da ultimo, l’avvio di un percorso economico derivante dalla ripresa dei lavori edili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche