22 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Settembre 2021 alle 09:59:00

Cronaca

Anziana ricoverata in ospedale e i ladri le svaligiano la casa

Quattro insospettabili nelle rete. Un coppietta ai domiciliari per aver fatto da palo. Recuperati numerosi gioielli rubati


MARUGGIO- Anziana ricoverata, ladri in casa: quattro arresti dei carabinieri.

In manette quattro giovani incensurati. Una coppietta fungeva da “palo”, mentre i complici rubavano i gioielli.

Intorno alle 22.30 circa di ieri un equipaggio della locale Stazione transitando in  via Roma, ha notato,  attraverso il vetro della finestra di un’abitazione le cui luci erano spente,  dei piccoli bagliori provenienti da una lampada tascabile. Mentre stavano per fare irruzione in casa  hanno udito nel retro dell’abitazione  il  rumore della porta in ferro della recinzione di pertinenza del giardino ed hanno  scorto due giovani  che  alla loro vista  si sono dati alla fuga. Sono stati inseguiti, bloccati e identificati  in D.J., ventenne di Sava  e  F.R., ventiseienne di Torricella.  Durante l’inseguimento, i militari dell’Arma hanno notato  che uno dei due fuggitivi si è disfatto di una busta in cellophane d con all’interno vari oggetti in  oro  rubati nell’abitazione.

I carabinieri hanno notato  poi una coppia di giovani a piedi, che alla loro vista ha tentato  di  dileguarsi a bordo di un’autovettura  che è stata però immediatamente  fermata.
I due sono stati identificati in S.U., ventiduenne di origini rumene residente a Sava e nella ventiquattrenne M.G., di Maruggio. Durante un  sopralluogo eseguito nell’abitazione in cui era avvenuto il furto, casa di proprietà di un’anziana che si trova da alcuni giorni ricoverata in ospedale, hanno accertato che i due  presunti ladri si erano introdotti nell’appartamento passando attraverso la  finestra del bagno,  dopo aver sradicato la zanzariera e rotto  il vetro. 

Tutti le stanze  erano state messe a  soqquadro. Il coinvolgimento della coppia fuggita a bordo dell’autovettura, è stato accertato grazie a un rapido controllo dei cellulari in uso  fra i numeri in rubrica ed alcune chiamate e squilli intercorsi con i due ladri presi in flagranza. I due avevano anche avviato i complici  del passaggio della pattuglia dei carabinieri.

I militari hanno quindi proceduto  all’arresto dei quattro, recuperando  la refurtiva e sequestrando una lampadina tascabile, utilizzata all’interno dell’appartamento nonché un coltello e uno spinello che la ragazza nascondeva   della borsetta. I due ladri sono finiti carcere,  la coppia ai domiciliari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche