18 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 17:24:06

Cronaca

Ospedali, stop ai tagli ed alle lunghe attese


TARANTO – Stefàno accanto a Pelillo nel corso di una conferenza stampa. Per ripescare un quadretto simile bisognerebbe tornare indietro almeno di un paio d’anni. Il sindaco uscente con il 49,52% delle preferenze, salvo clamorosi colpi di scena, sarà riconfermato sullo scranno più alto di Palazzo di Città. Un risultato ottenuto anche grazie ai cinque consiglieri del Pd, riconducibili a Pelillo, eletti nel nuovo Consiglio. Un dato politico rilevante è senza dubbio la “governabilità” della massima assise cittadina nel prossimo mandato. Stefàno avrebbe tutti i numeri per governare. Circostanza che rischierebbe di essere compromessa nel caso di mancato sostegno di Pelillo.

I segnali di distensione serviranno quindi per il futuro del Comune e, chissà, potranno fungere da catalizzatore per le prossime elezioni politiche. L’occasione che ha riconciliato i due leader della sinistra tarantina si è presentata questa mattina quando l’assessore regionale al Bilancio, il segretario regionale del Pd Sergio Blasi, il responsabile della Sanità del Pd Pino Romano ed il segretario provinciale Francesco Parisi hanno presentato due importanti novità per la sanità tarantina. “Stop ai tagli dei posti letto ed alle lunghe liste d’attesa nella Asl ionica”. L’assessore Pelillo ha illustrato le iniziative messe in campo dalla Regione. “La fase due del piano di rientro prevede un ulteriore taglio dei posti letto, sia per la sanità pubblica che per quella privata. Taranto sarà affrancata da questo ulteriore taglio anche perchè la percentuale dei posti letto dell’Asl ionica è al di sotto della media regionale. Non ci saranno tagli per Taranto – ha rimarcato Pelillo – al netto della maternità. Su quel fronte i tagli sono attuati su scala nazionale”. Ma l’assessore regionale al Bilancio ha dato speranza anche ai tanti tarantini alle prese con le interminabili liste d’attesa. “Taranto è maglia nera anche per la “mobilità passiva”. La gente va a curarsi fuori. Una circostanza che aumenta la mobilità passiva della regione. Per questo ci saranno dei fondi, che quantificherò nei prossimi giorni, per far abbassare la mobilità passiva di Taranto. Questi soldi – ha detto Pelillo – serviranno anche a porre un freno alle lunghe liste d’attesa”. L’assessore ha anche garantito: “Taranto avrà un nuovo ospedale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche