19 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Aprile 2021 alle 15:35:44

Cronaca

Tasse, imprenditrice povera fino al 2018


TARANTO – Gran lavoro per gli avvocati che collaborano con Codici, Alessandro Scapati e Luca Di Franco (nella foto), i quali anche stamattina, nella sede di via Cam-pania, hanno fornito consulenze legali a numerosi contribuenti chiamati a pagare super bollette a Equitalia. Hanno incontrato pensionati, operai commercianti. Ad altri casi disperati si è aggiunto quello della titolare di una impresa di pulizia che per tasse per 120mila euro sarà costretta a pagare, fino al 2018, bollette di oltre 1500 euro al mese. C’è solo un problema e non di poco conto: la donna dichiara 15mila euro all’anno ed ha a carico il marito, disoccupato, e una figlia minorenne.

Come può fare a portare avanti una famiglia una persona che al mese deve pagare a Equitalia tutto quello che guadagna? E’ quello che si chiede la piccola imprenditrice tarantina che si è rivolta a Codici. E’ una del persone che fa parte del piccolo esercito di disperati che si ritrova a fare la coda davanti alla sede di Equitalia, in via XX Settembre. . Dall’inizio di maggio Codici, il Centro per i diritti del cittadino, ha inaugurato il progetto Sos Debiti, uno sportello che offre sostegno legale a tutte le “vittime” raggiunte da pignoramenti, fermi amministrativi e cartelle esattoriali con cifre da capogiro. Codici è una associazione che tutela da anni i consumatori e che si è resa conto che la maggior parte delle contestazioni che arrivano riguardano cartelle esattoriali inviate da Equitalia. Per questo motivo ha deciso di aprire uno sportello dedicato esclusivamente all’aiuto dei contribuenti con debiti. I debiti vanno pagati ma prima di praticare azioni forti contro i cittadini, Equitalia dovrebbe valutare le singole storie personali. L’agenzia dovrebbe andare incontro ai problemi delle persone, soprattutto di quei piccoli imprenditori fortemente indebitati che alla fine sono costretti a dover chiudere le loro attività. Naturalmente i problemi no si risolvono con i gravi atti di violenza che negli ultimi giorni sono stati compiuti contro le sedi o i dipendenti di Equitalia. La violenza è sempre da condannare. Quella che Codici porta avanti è una battaglia che si combatte solo per vie legali e a favore dei cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche