Rissa in via Leonida. La verità dai filmati | Tarantobuonasera

09 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 08 Dicembre 2021 alle 22:53:00

Cronaca

Rissa in via Leonida. La verità dai filmati

Feriti lievemente due carabinieri. Nella zuffa coinvolte anche donne


Saranno i filmati dei sistemi di videosorveglianza che si trovano in zona a svelare l’identità delle persone coinvolte nella rissa scoppiata martedì sera in via Leonida. In queste ore, infatti, i carabinieri stanno passando al setaccio proprio le riprese filmate per fare luce sull’episodio avvenuto l'altra sera.

Infatti, a seguito di telefonate pervenute al 112, che segnalavano una rissa in corso in via Leonida, i carabinieri di Taranto hanno eseguito un intervento da cui sono scaturite tre denunce di altrettanti soggetti già noti alle forze dell’ordine. Una prima pattuglia dell’aliquota radiomobile della compagnia, giunta sul posto per sedare la lite, ha incontrato la resistenza di alcuni dei partecipanti (circa una decina tra cui anche donne).

Tre di loro sono stati riconosciuti e identificati, mentre sono in corso accertamenti per risalire ai nomi di eventuali altre persone coinvolte nella rissa. Durante l’intervento due militari hanno riportato lievi escoriazioni alle mani. Nella circostanza è stato richiesto l’ausilio di personale dei Vigili del Fuoco per fare irruzione all’interno di un’abitazione nella quale vi era fondato motivo di ritenere si fossero rifugiati gli altri partecipanti.

A seguito della perquisizione sono state rinvenute una sciabola e due riproduzioni di pistole di grosso calibro custodite all’interno di un mobile della camera da letto. Come detto, allo stato attuale, sono in corso accertamenti sugli impianti di videosorveglianza della zona e sulle ricostruzioni fornite da alcuni testimoni al fine di identificare gli altri soggetti e verificare l’eventuale possesso di armi da taglio. Secondo quanto riferiscono dai carabinieri, non sono stati segnalati feriti compatibili con l’episodio nei presidi ospedalieri tarantini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche