25 Gennaio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 25 Gennaio 2021 alle 06:51:29

Cronaca

Ha una pensione troppo bassa. Ipotecano la casa


TARANTO – Ha una pensione di 800 euro e per debiti con lo Stato, contratti quando gestiva un esercizio commerciale, Equitalia le ha ipotecato la casa. Una ex commerciante, una tarantina di sessantacinque anni, al centro di un altro caso disperato trattato dagli avvocati Alessandro Scapati e Luca Di Franco, dell’ufficio legale di Codici, l’associazione che difende i diritti del cittadino e che è impegnata nella campagna “Sos Debiti. Difenditi da Equitalia”. Alla donna che percepisce una pensione di 800 euro al mese e che sta ancora pagando le rate del mutuo dello stesso importo, ora una delle istituzioni più temute del Paese le ha ipotecato, per 35mila euro, l’appartamento in cui vive.

L’ex commerciante dovrà estinguere il suo debito con 48 rate mensili da 1500 euro. Ma se percepisce 800 euro al mese della pensione come farà a pagare un rata che è quasi il doppio?. “E’ una situazione davvero critica-sottolineano gli avvocati di Codici- se non paga le rate negli anni potrebbe perdere l’appartamento che ha acquistato con tanti sacrifici”. Le sono arrivate cartelle esattoriali per tasse del 2005. Da 20mila euro si è passati a quasi 40mila. Per casi come questi da più parti arrivano proposte molto concrete per alleggerire la situazione dei contribuenti che si trovano sul groppone cifre esorbitanti. Ad esempio non si dovrebbe ipotecare o vendere appartamenti nei quali abita il proprietario, salvo che non abbia una seconda abitazione. Poi, il pignoramento dello stipendio dovrebbe essere di un decimo e non di un quinto e dovrebbe riguardare solo redditi superiori ai quattromila euro. Infine occorrerebbe una convenzione tra enti locali, agenzia delle entrate e banche, per aiutare queste persone a pagare. Equitalia dopo sessanta giorni dall’avviso al contribuente attiva i suoi mezzi per recuperare il debito. Intanto in questi primi giorni di attivazione dello sportello legale sono tantissime le telefonate fatte da contribuenti in grosse difficoltà con le tasse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche