27 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 27 Ottobre 2020 alle 17:42:13

Cronaca

Una pistola tra le bare, arrestato un 45enne tarantino

L'accusa: detenzione di arma clandestina e munizioni


Nella serata di venerdì gli agenti della Polizia di Stato hanno tratto in arresto per detenzione di arma clandestina e munizioni, il 45enne tarantino Tommaso Liuzzi.

Intorno alle 17.30 i “Falchi” della Squadra Mobile nel corso di mirati servizi volti al rintraccio di armi in uso alla criminalità locale, hanno proceduto ad una perquisizione nella sede di un’agenzia di pompe funebri in via Monfalcone. I poliziotti nel corso dell’accertamento ritrovavano sul davanzale di una finestra che affaccia nel cortile interno dello stabile un vasetto di vetro con all’interno 19 proiettili cal.7.65, n. 5 proiettili cal.9 ed uno cal. 9×21.

Nel prosieguo dell’attività gli agenti con la collaborazione del gestore dell’agenzia Tommaso Liuzzi, aprivano una cassaforte all’interno era custodita una pistola clandestina modificata mod.85k completa di caricatore con 5 cartucce cal. 9 perfettamente funzionante. La pistola veniva immediatamente sequestrata e il Liuzzi veniva accompagnato presso gli Uffici della Questura dove al termine delle formalità di rito veniva tratto in arresto. Su disposizione dell’ autorità giudiziaria competente il 45enne veniva posto agli arresti domiciliari.

Inoltre, nella serata di venerdì, gli agenti della Squadra Mobile hanno tratto in arresto Carlo Agrosì, tarantino di 49 anni esecuzione all’ordine di esecuzione di misura cautelare in carcere emessa lo scorso 12 febbraio dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Forlì, per il reato di truffa aggravata. Agrosì è stato rintracciato e tratto in arresto nel primo pomeriggio di ieri nel comune di Taurisano in provincia di Lecce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche