Cronaca

“Centro per l’impiego: più attenzione per Taranto”

Stefàno e l’assessore Cosa in pressing su Leo Caroli


“A seguito di sopralluogo avvenuto nel Centro Territoriale dell’Impiego di Taranto,  è apparsa evidente la situazione di disagio e di affanno nella gestione dei compiti che la Legge riserva a tali centri. Da quanto ho avuto modo di apprendere in occasione dell’incontro con Roberto Carlucci (Dirigente della Provincia di Taranto), allo stato attuale, presso il Centro territoriale dell’Impiego di Taranto, sono dislocate sei unità dipendenti della Provincia di Taranto, nove unità con qualifica di formatori di riferimento della Regione Puglia e sei unità appartenenti ad Isola Verde. Tale numerica di risorse umane appare palesemente esigua rispetto alle notevoli incombenze della città di Taranto”. E’ quanto scrivono il sindaco Stefàno e l’assessore al Lavoro, Francesco Cosa, in una lettera a Leo Caroli, assessore regionale al Lavoro.

“E’ evidente infatti che la complessa mole di lavoro che interessa il Centro in questione, non è adeguatamente soddisfatta, con gravi conseguenze nei confronti dell’utenza che inevitabilmente uscendo da quel Centro non può che aumentare la propria sfiducia verso le Istituzioni in genere.

Versando in tali condizioni, il Centro Territoriale dell’Impiego di Taranto non riesce nella maniera più assoluta a dare seguito alle diverse opportunità che la stessa Regione Puglia sta mettendo in atto come il Fondo Garanzia Giovani. Infatti i numeri bassissimi dei patti di servizio attivati dal Centro di Taranto, nettamente al ribasso rispetto ai Centri Territoriali delle altre Provincie Pugliesi, stanno proprio a dimostrare che il Centro di Taranto non riesce a dare risposte all’utenza che continua a perdere opportunità di inserimento lavorativo. Non funzionando il Centro dell’impiego, di fatto tutto il mercato del lavoro va in affanno.

Giova fare presente che l’Amministrazione Comunale di Taranto, sta portando avanti una importante politica di abbattimento dei fitti passivi è proprio in questa ottica sta individuando una nuova sede di proprietà comunale certamente più dignitosa rispetto a quella attuale. Alla luce di quanto sopra esposto, si chiede alla Regione Puglia di voler intervenire, con una certa sollecitudine, incrementando le risorse umane  destinate al Centro di Taranto, visto che la Provincia di Taranto, al momento titolare della gestione dei Centri dell’Impiego, non ha in previsione di intervenire con nuove risorse umane”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche