19 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Aprile 2021 alle 07:17:57

Cronaca

Sette tarantini su dieci non vanno a votare

La maglia nera spetta a Taranto, proprio come al primo turno. Il calo fisiologico di elettori, che si sono recati alle urne fino alle 22 di ieri, diventa vertiginoso nella città capoluogo. Ad affrontarsi nel ballottaggio il sindaco uscente Ippazio Stefàno ed il leader della coalizione di centrodestra Mario Cito. Fino a ieri sera aveva votato il 27,96% degli aventi diritto. Quasi il 14% in meno rispetto al primo turno. Difficilmente si arriverà a superare la soglia del 50%. Un calo che ha segnato anche il secondo turno delle consultazioni negli altri comuni al voto della provincia tarantina. A Sava, fino alle 22 di ieri sera, si era recato nei seggi il 38,33% degli aventi diritto (-12,52% rispetto al primo turno). Il dato riguardante l’affluenza alle urne è nettamente più alto a Castellaneta. Nel comune del versante occidentale dell’arco ionico è andato a votare il 49,31%, l’8,98% in meno rispetto alla prima tornata.

Il dato più alto è stato registrato a Palagiano dove si è recato alle urne il 51,48% degli elettori, 9,42% in meno rispetto al primo turno. Numeri che rendono chiara la portata del fenomeno dell’astensionismo se si prende in esame la media dell’affluenza nei comuni tarantini al voto: 33,47% rispetto al 46,18% del 6 maggio. La flessione che solitamente si registra al ballottaggio affonda le radici nell’assenza della preferenza per i candidati al Consiglio comunale che sono già stati eletti al primo turno. A Taranto però il dato concernente l’affluenza tocca percentuali stratosferiche. I seggi allestiti nelle 191 sezioni dislocate nella città dei due mari chiudono i battenti alle 15 di oggi. Già nel tardo pomeriggio, dalla sala stampa della Prefettura, arriveranno i primi dati ufficiali dello spoglio. In serata, salvo imprevisti e ritardi che hanno contraddistinto il primo turno delle elezioni comunali, si saprà chi tra Stefàno e Cito prenderà possesso dello scranno più alto di Palazzo di Città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche