Cronaca

Attentati, rapine, estorsione e minacce a pubblici amministratori, 9 in manette. Ecco nomi e foto

Stamattina il blitz dei carabinieri nell'area orientale della provincia ionica, in particolare a Pulsano


PULSANO – Attentati incendiari e dinamitardi anche contro amministratori pubblici: i carabinieri arrestano nove persone.

I militari del Comando Provinciale di Taranto hanno eseguito stamattina, nell’ambito dell’operazione No One, nove ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di soggetti responsabili, a vario titolo, di associazione a delinquere, attentati incendiari ed esplosivi, estorsioni, spaccio di stupefacenti, rapine, detenzione illegale di armi e materiale esplodente e ricettazione.

Gli ordini di custodia cautelare sono stati emessi dal Gip del Tribunale di Taranto, Valeria Ingenito, su richiesta del sostituto Procuratore della Repubblica di Taranto, Daniela Putignano, nei confronti di: Anselmo Venere, Ermes Venere, Francesco Paolo Venere, Salvatore Scalone, Nicola Casucci, Pietro Grossi, Pietro Zingariello, Antonio La Cava e Francesco Benedetto Russo.

Gli arrestati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di una serie di reati accertati negli anni 2013 e 2014, tutti commessi in provincia di Taranto.

L’operazione “No One” è scattata alle prime luci dell’alba.

Le indagini, avviate nel 2013 dal Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Taranto, coordinate dalla locale Procura, hanno permesso di disarticolare un gruppo criminale operante nell’area orientale della provincia ionica, in particolare a Pulsano, responsabile di almeno 10 attentati incendiari ed esplosivi in danno di immobili e autoveicoli di privati, amministratori locali ed un’azienda municipalizzata, fra cui un vicesindaco ed un assessore comunale; di estorsioni a carico di gestori di attività commerciali della litoranea salentina e rapine, nonchè di spaccio di stupefacenti, detenzione e porto abusivo di armi e materiale esplodenti e di ricettazione di autoveicoli.

Sono stati circa 50 i militari impegnati nell’operazione, con l’ausilio di un elicottero ed unità cinofile. Sempre questa mattina, nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta nella sede del comando provinciale dei carabinieri di Taranto, sono stati forniti i dettagli del blitz.

Presenti il procuratore capo Franco Sebastio, il colonnello Giovanni Tamborrino, il maggiore Giuseppe Prudente ed il luogotenente Antonio Bucci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche