27 Novembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Novembre 2021 alle 11:58:00

Cronaca

Falsi incidenti, interrogato il capo

Ha fatto scena muta, Gli altri 7 arrestati saranno ascoltati lunedì


Si è tenuto ieri mattina in carcere l’interrogatorio di Saverio Palumbo, presunto capo dell’associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni delle compagnie assicurative, arrestato lunedì assieme ad altre sette persone nell’ambito dell’operazione della Polizia Stradale denominata “Tris”.

Palumbo si è avvalso della facoltà di non rispondere. Tra gli arrestati, attualmente ai domiciliari, Cosimo Ruggieri, 41 anni di Taranto; Giuseppe Ax, 60 anni di Taranto; Vincenzo Aiello, 44 anni di Taranto; Vito Antonio Liddi, 60 anni di Taranto; Girolamo Nodello, 44 anni di Taranto; Andrea Tagliente, 41 anni di Taranto; Gianfranco Trani, 37 anni di Grottaglie. Per loro, invece, gli interrogatori di garanzia prenderanno il via lunedì mattina. Del collegio difensivo fanno parte gli avvocati Egidio Albanese; Fausto Soggia; Giovanni Percolla e Antonio Mancaniello.

L’attività investigativa posta in essere dal personale della squadra di Polizia Giudiziaria della sezione Polizia Stradale di Taranto, diretta dal vice questore aggiunto Giacomo Mazzotta e dal sov. Jacopo Miglietta, ha avuto inizio nel ottobre 2010 a seguito della  querela proposta da Allianz Assicurazioni presso la procura della Repubblica di Taranto in riferimento a due incidenti, denunciati come accaduti l’1 aprile 2009 e il 4 agosto dello stesso anno.

Nella querela la compagnia ha segnalato che gli esiti delle “tac” prodotti a supporto delle richieste risarcitorie avanzate da due soggetti, coinvolti nei due distinti sinistri, risultavano identici. Le indagini supportate dalle intercettazioni telefoniche e ambientali – come spiegato nel corso della conferenza stampa di stamattina – hanno portato alla luce l’esistenza di un gruppo stabilmente dedito all’illecita, ed estremamente redditizia, attività di organizzazione di falsi sinistri stradali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche