20 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Settembre 2021 alle 18:58:00

Cronaca

L’Isola concede il bis. Pasqua tra gli ipogei. Il programma

La rassegna parte il 28 marzo e resterà aperta durante i Riti della Settimana Santa


Oltre al ritorno della Processione dei Misteri tra i vicoli del centro storico , quest’anno la Settimana Santa offrirà un’ulteriore preziosa vetrina per la Città Vecchia e le sue tradizioni: la prima edizione di “Pasqua tra gli Ipogei”, sull’onda del grande successo ottenuto da “Natale nell’Isola…dei Presepi” e dall’ edizione estiva dell’ “Isola che Vogliamo”.

Da tempo lo staff organizzativo di “Pasqua tra gli Ipogei” organizzato da “Mysterium Festival” con la collaborazione e la consulenza artistica dell’ Isola che Vogliamo, dell’ Associazione Terra e dell’Associazione Nobilissima Taranto, è impegnato per realizzare le installazioni artistiche che – anticipano gli organizzatori – non mancheranno di suscitare meraviglia fra le migliaia di visitatori che, approfittando dello svolgimento dei Riti della Settimana Santa, vorranno vivere questa esperienza unica, all’ insegna della riscoperta del patrimonio storico-archeologico del nostro centro storico.

“Durante la manifestazione “Pasqua tra gli Ipogei” riapriranno ancora una volta alla città gli Ipogei, ambienti sotterranei di per sé incantevoli e pregni di storia, che ospiteranno artistiche riproduzioni delle nostre processioni, opere di artigiani locali, mostre fotografiche e pittoriche in tema, installazioni d’arte sacra d’avanguardia e tanto altro ancora”.
Il concetto è quello di proporre un duplice spettacolo, riempiendo gli ipogei con un contenuto di qualità, in questo caso il meglio della rappresentazione nelle più svariate forme artistiche dei Riti penitenziali tarantini.

“Un vero e proprio segnale lanciato ad una città che è ricca di menti giovani, innovative, intelligenti, capaci di liberare il territorio da una ormai insostenibile cappa di rassegnazione”.

Quelle energie che hanno fatto rete, con risultati apprezzabili, anche nella rassegna artistica organizzata durante le festività natalizie. Ricercare, riscoprire, praticare bellezza le parole d’ordine. Il tutto nel periodo dell’anno dedicato alla manifestazione di pietà popolare che l’hanno resa celebre in tutto il mondo: i “Riti della Settimana Santa”, che offrono anche l’occasione di continuare a puntare sulla destagionalizzazione dell’offerta ricettiva in Città Vecchia alla quale da sempre si guarda come a un traguardo possibile.

Raggiungendo cunicoli e nuovi scorci sottoterra e scendendo in ipogei e frantoi, si potrà assistere ad uno spettacolo incredibile.

Un modo per “passeggiare” nella storia, tra la via dei mestieri e dei simboli della nostra città. Basterà scendere sottoterra e ci si ritroverà immersi in piccole e grandi magie.
La rassegna aprirà i battenti sabato 28 marzo e resterà aperta il 29 (Domenica delle Palme), Giovedì Santo (2 aprile), Venerdì Santo (3 aprile), Sabato Santo (4 aprile) e Domenica di Pasqua (5 aprile), dalle ore 17.30 a mezzanotte. Solo per Giovedì Santo e Venerdì Santo, in coincidenza con le processioni della Beata Vergine Addolorata e dei Sacri Misteri, gli ipogei resteranno aperti nelle ore notturne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche