20 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Settembre 2021 alle 18:58:00

Cronaca

Le scuole per la Settimana Santa

Concorso per il manifesto 2015: al Castello Aragonese la premiazione. Ecco l’elenco completo dei vincitori. Anche in provincia tante iniziative


Si è tenuta al Castello Aragonese la cerimonia di premiazione del concorso per il manifesto per la Settimana Santa 2015.

Come lo scorso anno fu l’istituto professionale “Cabrini” a fare man bassa di premi, quest’anno è toccato al “Lentini” di Mottola i cui alunni che hanno preso parte al concorso, si sono assicurati le prime due borse di studio messe in palio dall’Associazione. Il terzo posto è stato invece assegnato ad una alunna del “Liside” di Taranto. A due alunne dell’Istituto comprensivo “Don Bosco” di Taranto, il premio riservato alle scuole medie inferiori.

Ecco comunque l’elenco completo dei vincitori: Alessandra Donatiello e Elisabetta De Donato della 2ª C del Comprensivo “Don Bosco” hanno vinto la borsa di studio di100 euro per la sezione a del concorso. Vitantonio Putignano della 3ª A T.G.C. e Arianna Giovinazzi della 5ª A T.G.C.  sono i destinatari rispettivamente delle le borse di studio di 200 e 150 euro del primo e secondo posto della sezione destinata agli istituti superiori. Mentre è di 100 euro la borsa di studio assegnata  Veronica Cucurachi  quarta AG del “Liside” di Taranto. Inoltre riconoscimenti sono stati assegnati all’Istituto “Cabrini”, unico sempre presente al concorso, all’Istituto Comprensivo “Madonna della Camera” per la massiccia partecipazione ed all’alunno del “Mondelli” di Massafra Gabriele Calfa che ha partecipato a tutte e tre le edizioni del concorso.

MOTTOLA – Anche quest’anno, dopo le Quarantore, ad aprire il programma delle varie iniziative a Mottola, organizzate per la Santa Pasqua dalla Confraternita del Carmine, sarà l’inaugurazione della mostra sulla Processione dei misteri in miniatura.

Quella del Sabato Santo, per intenderci, che, dalle prime ore dell’alba, esce dalla parrocchia del Carmine, per, poi, rientrarvi a mezzogiorno inoltrato. Oltre ottocento paranze incappucciate, a piedi scalzi, che, annunciate dal troccolante, ripercorrono a passo lento le vie principali del paese, alle note delle marce della Passione. Portano a spalla dodici complessi statuari; gli stessi che, con grande maestria, sono stati riprodotti nella mostra, che sarà inaugurata questa domenica, 15 marzo, alle ore 19, presso i locali parrocchiali di via Mazzini, 58.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche