20 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Settembre 2021 alle 19:59:00

Cronaca

Appalti comunali, in 35 senza lavoro

Dal primo aprile rischiano il posto. Cito: “Si trovi una soluzione”


Una nuova vertenza bussa alle porte della città. Più precisamente del Comune. E’ quella dei 35 lavoratori della Italpulizie, storico indotto comunale, appunto, che rischiano il posto. “Interpellato sulla vertenza che riguarda i trentacinque lavoratori della Italpulizie srl, mi sento in dovere di esporre il mio pensiero” commenta il consigliere comunale di Forza Italia, Mario Cito. ““Non vogliamo perdere il lavoro!”, il grido degli operai dell’azienda che da anni lavora negli appalti comunali. I trentacinque lavoratori, provenienti dallo storico indotto degli appalti del civico ente, dal prossimo primo aprile rimarranno privi di  lavoro. Non si tratta, purtroppo, di un pesce d’aprile, ma di una triste realtà. Sono in attesa di una risoluzione definitiva del loro problema. Da sei anni lavorano senza certezze. I loro contratti di lavoro sono per il più delle volte a tempo determinato e cambiano spesso datore di lavoro. Questo accade perché provengono dal bacino del vecchio indotto comunale (ex Polignano) e sono stati inseriti nel 2008 nella graduatoria prefettizia della cosiddetta clausola sociale”.

Si arriva così alla situazione attuale. “Rimangono senza lavoro, perché il Comune di Taranto non ha rimpinguato per quest’anno il capitolo di bilancio relativo alle manutenzioni degli immobili comunali e demaniali. L’aspetto più tragico sarà quello di vedere questi lavoratori senza speranza di trovare nuova occupazione, in quanto la media della loro età è di cinquant’anni”. L’invito è all’amministrazione comunale “a risolvere l’annosa questione, provvedendo a ricercare una soluzione per questi lavoratori, che si dicono anche disposti a transitare in altre ditte appaltatrici del Comune, purché possano continuare a lavorare”. “È inspiegabile – attacca Cito – che mentre si continua ad assumere in altre imprese appaltatrici del Comune, non vengano dall’altra parte tutelati storici lavoratori come quelli della Italpulizie. Ben vengano le assunzioni, ma chiedo con forza che vengano considerati e tutelati anche questi trentacinque operai che da anni collaborano con il Comune di Taranto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche