Cronaca

Rapina in tabaccheria con ferimento, preso un 18enne

Il ragazzo ha accoltellato il marito e il figlio della titolare di una tabaccheria. E’ fuggito con 300 euro ma è stato incastrato grazie alle riprese filmate


PULSANO – Rapina una tabaccheria e ferisce i titolari con un taglierino: 16enne preso dai carabinieri. Poco prima delle 22 di giovedì i militari della Stazione di Pulsano, sono piombati in una tabaccheria situata in Via Costantinopoli.

La  titolare di 74 anni e il marito 84enne hanno riferito di essere stai aggredito da un  malvivente armato di taglierino. La donna ha raccontato che poco prima aveva notato fuori dalla porta d’ingresso del locale, un ragazzo che, con un cappuccio in testa, ha chiesto di entrare. Non avendo ancora chiuso l’esercizio, la donna ha deciso di aprirgli e il malfattore, con uno scatto, ha raggiunto la cassa. Il rapinatore si è impossessato del denaro, mentre la titolare cercava di spintonarlo e di ostacolarlo. Il malfattore ha sferrato un fendente con il taglierino, colpendo  al collo, il marito della proprietaria. Per guadagnarsi la fuga, ha anche sferrato un fendente al figlio 51enne della coppia, a procurandogli un taglio vicino all’orecchio sinistro.  Il malvivente dopo aver arraffato  300 euro e 10 pacchetti di sigarette  è riuscito ad uscire dall’esercizio,  dileguandosi nelle vie del centro storico. I carabinieri grazie alle riprese filmate hanno identificato il rapinatore,  un sedicenne del posto.

Il baby-rapinatore è stato rintracciato in piazza Limongelli, mentre cercava di raggiungere la sua abitazione. Accompagnato in caserma il giovane ha indicato  il luogo dove aveva nascosto la refurtiva e parte dell’abbigliamento usato per mettere a segno il colpo.

Nel corso delle indagini è stata rinvenuta una scacciacani priva di tappo rosso. Il marito ed il figlio della titolare della tabaccheria , trasportati all’ospedale “Ss. Annunziata” sono stati medicati  e giudicati guaribili in tre e venti giorni. Su disposizione del pm del tribunale per minorenni,  dott.ssa Stefania Ferrieri Caputi, il ragazzo è stato condotto nel centro di prima accoglienza di Taranto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche