17 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 17 Ottobre 2021 alle 19:48:00

Cronaca

I deputati: “Ora tocca all’India dare risposte”

Il caso dei Marò


''Nei giorni scorsi in Parlamento, dopo una lunga discussione, si è deciso di porre termine a questa esperienza della presenza di nostri militari su navi mercantili privati, ma vanno ringraziati i fucilieri Latorre e Girone e tutti i nostri militari perchè gli attacchi dei pirati ai mercantili sono diminuiti al punto di arrivare allo zero''.

Lo ha dichiarato l'on. Elio Vito, presidente della Commissione Difesa della Camera, parlando con i giornalisti dopo aver reso ieri visita a Taranto al maro' Massimiliano Latorre, accusato, insieme al collega Salvatore Girone, di aver ucciso nel febbraio 2012 due pescatori indiani scambiati per pirati. ''Noi torneremo in commissione – ha aggiunto il deputato – e apriremo un dibattito sugli esiti di questa missione. C'e' la necessità di ricorrere alle autorità internazionali per la risoluzione del caso''. ''I nostri militari – ha concluso Vito – vanno ringraziati perche' hanno svolto operazioni rischiose, delicate, nell'interesse della nostra comunita', del nostro Paese, delle nostre navi, del nostro personale. Riteniamo che questo riconoscimento debba essere concretamente testimoniato dalle istituzioni''.

''E' un momento molto importante, delicato e particolare della vicenda per le condizioni di Massimiliano e per questo ultimatum che scadra' tra pochi giorni. Ringrazio la commissione Difesa della Camera per la sensibilita' dimostrata non solo loro ora, ma in tutte le fasi di questa storia''. Lo ha detto a Taranto, partecipando alla conferenza stampa della delegazione della commissione Difesa della Camera dei Deputati, Paola Moschetti, compagna di Massimiliano Latorre, il maro' che insieme all'altro fuciliere di Marina Salvatore Girone, è accusato di aver ucciso tre anni fa due pescatori indiani. Latorre è a Taranto per trascorrere un periodo di convalescenza, ma il 12 aprile scade il termine per il suo rientro in India.

''E' una vicenda – ha spiegato Moschetti – che dura da troppo tempo, ma questo non e' stato un elemento che ci ha fatto scoraggiare. La commissione si e' sempre interessata del caso con iniziative e visite, compresa quella da Nuova Delhi dello scorso anno''.

L’onorevole Elio Vito ha sottolineato, nel corso della sua vitia a Taranto, “che la vicinanza delle Istituzioni sia un segnale molto importante per Massimiliano Latorre e la sua famiglia, ma anche per Salvatore Girone e la sua famiglia. Un segnale di solidarietà, un segnale di interesse concreto, un segnale di comprensione”.

“I due marò – ha spiegato Vito – non devono essere lasciati soli perché la loro vicenda riguarda tutto il nostro Paese, loro rappresentano il nostro Paese. Questa commissione si è occupata costantemente della loro condizione, lo ha fatto recandosi a Delhi, lo ha fatto incontrando in commissione la signora Moschetti e la signora Girone, svolgendo numerosi atti e incontri e votando all'unanimità una linea molto semplice”. Tutti i militari italiani all'estero, ha affermato l'on. Vito, “rappresentano lo Stato, hanno diritto a vedere riconosciuta la cosiddetta immunità funzionale nelle loro attività, hanno diritto che, per qualsiasi incidente dovesse accadere nello svolgimento delle attività, a far prevalere il diritto internazionale e devono essere sottoposti alla nostra giurisdizione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche