13 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Giugno 2021 alle 08:02:35

Cronaca

Reagisce alla rapina e il malvivente gli spara due volte con la pistola

Un 30enne aggredito mentre rientrava a casa. Il bandito aveva il volto coperto. La macchina è stata ritrovata bruciata


CASTELLANETA – Reagisce alla rapina: agricoltore ferito a colpi di pistola.

E’ accaduto alle 22.30 in contrada Sterpine, nelle campagne di Castellaneta. Un agricoltore trentenne  di Castellaneta ha telefonato alla centrale operativa dei carabinieri riferendo che pochi minuti prima, un malvivente a bordo di un’Alfa 156, lo aveva avvicinato nei pressi  della sua abitazione e, dopo aver tentato di rapinarlo, gli aveva esploso contro due colpi di pistola calibro 7. 65 uno dei quali lo aveva centrato alla coscia sinistra.

Il giovane, che si è opposto alla richiesta di consegnare il portafogli  è stato soccorso e condotto all’ospedale di Castellaneta dove gli è stata medicata una ferita non grave.
I militari della Compagnia di Castellaneta diretti dal capitano Ennio Maglie hanno subito avviato le ricerche e hanno rinvenuto poco lontano dal luogo della tentata rapina, in fiamme, l’auto del rapinatore. Sul posto anche i vigili del fuoco i quali hanno provveduto a domare il rogo. La macchina era stata rubata due ore prima a Metaponto.

La vittima ha riferito agli investigatori che il malfattore aveva il volto  coperto da passamontagna e che quindi non ha potuto guardarlo in faccia.

Sarà anche impossibile  rilevare delle impronte digitali sull’auto utilizzata per il raid  in quanto il bandito  le ha dato fuoco prima di allontanarsi dalla zona, con molta probabilità a bordo di un’altra vettura.

Non è escluso che sia stato aiutato da un complice che era al volante della vettura.I carabinieri stanno indagando per  identificare il bandito e per scoprire se abbia scelto la sua preda caso o se  abbia preparato il colpo a tavolino. Un episodio inquietante, quello avvenuto alla periferia di Castellaneta,  che poteva trasformarsi in tragedia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche