31 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 31 Luglio 2021 alle 22:04:00

Cronaca

Investito al rondò: è grave. Ora è caccia al pirata della strada

Lesioni alla spina dorsale per un sessantenne. La Polizia sulle tracce dell’automobilista


Una lesione alla spina dorsale, che lo costringe in ospedale dalle 10 del 25 aprile, quando è stato investito da un’auto al rondò che unisce viale Magna Grecia e Corso Italia mentre si dirigeva al rione Salinella.

E rischia di dover essere sottoposto ad un delicatissimo intervento chirurgico il 60enne tarantino che, mentre era in bicicletta, è stato vittima del sinistro. C’è però un altro risvolto al fatto di cronaca, di per sè già molto grave.

A raccontarlo a Taranto BuonaSera è il figlio del signor Pasquale (omettiamo il cognome per motivi di privacy). “L’uomo che ha investito mio padre” spiega “non ha chiamato il 118, è andato invece alla vicina guardia medica raccontando quanto accaduto, ma senza lasciare il proprio nome o un modo per rintracciarlo. Pare che con lui ci fosse una ragazza. Mio padre era svenuto. Pensavamo che l’investitore ci contattasse in qualche modo, invece niente. E’ sparito”. Un comportamento che rischia di costar caro all’automobilista. Oltre all’appello a farsi vivo in qualche modo, che la famiglia della vittima rivolge tramite il nostro giornale, c’è anche in corso un’indagine della Polizia, con il ‘pirata’ che sarebbe stato immortalato dalle telecamere presenti nei pressi del rondò, anche degli esercizi commerciali vicini, e della stessa guardia medica. Ascoltati anche diversi testimoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche