Cronaca

Furto all’Ilva: due vigilanti e il fuggitivo precipitano nel vuoto. Sono gravi

Il ladro, che non è stato ancora identificato, è in arresto nell’ospedale “Ss. Annunziata”


Tenta di rubare rame all’interno dell’Ilva, viene scoperto dai vigilanti fugge e precipita da un terrapieno: è grave.

Feriti anche i due addetti alla vigilanza che lo stavano inseguendo La notte scorsa i poliziotti della Squadra Volante sono intervenuti nello stabilimento siderurgico dove era stato segnalato dagli addetti alla vigilanza interna il furto di cavi di rame. Giunti sul posto gli agenti hanno accertato la presenza di addetti alla sicurezza interna e di un’ambulanza dello stabilimento che stavano soccorrendo sia il presunto autore del furto che un vigilante rimasti feriti in maniera grave. Infatti i due erano precipitati da un terrapieno altro circa quattro metri.

Erano in condizioni preoccupanti tali da rendere necessario il ricovero d’urgenza presso l’ospedale “Ss. Annunziata”. Poco distante gli agenti hanno accertato la presenza di un altro vigilante anch’egli precipitato dalla scarpata e che aveva riportato alcune fratture alle gambe. Dai primi accertamenti i poliziotti della Squadra Volante hanno appurato che i due vigilanti erano stati allertati da un loro collega riguardo alla presenza di un uomo, che a più riprese si era introdotto in un capannone di una ditta privata e aveva tagliato e portato via alcuni pezzi di cavo di rame di grosse dimensioni. Il presunto ladro vistosi scoperto si era dato alla fuga precipitando, come detto, nella scarpata e rimanendo ferito in maniera grave. L’uomo, che non è stato ancora identificato è ricoverato in prognosi riservata nel nosocomio di via Bruno ed è in stato di arresto per furto aggravato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche