28 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 28 Luglio 2021 alle 03:59:00

Cronaca

Accoltellò il figlio, concesso uno sconto di pena

Da quattro anni e mezzo a tre anni e otto mesi per il 65enne accusato di tentato omicidio. Il ferimento durante una lite per strada


Sconto di pena in Appello per un padre che accoltellò il figlio durante una lite e lo lasciò agonizzante per terra. Da quattro anni e mezzo a tre anni e otto mesi di reclusione per N. D., sessantacinquenne difeso dall’avvocato Claudio Petrone.

La sentenza è stata emessa dai giudici della Corte d’Appello  per un tentativo di omicidio avvenuto poco più di un anno fa tra via Minniti e via Mazzini.

L’uomo accoltellò all’addome e al torace uno dei suoi figli, un 30enne, con il quale aveva trascorso la serata in un circolo ricreativo. Il giovane fu trovato riverso per terra e  trasportato all’ospedale “Ss. Annunziata” dove fu sottoposto ad un intervento chirurgico.  Suo padre fu rintracciato dai carabinieri della  caserma di viale Virgilio  dopo alcune ore all’interno di un ristorante, nei pressi dell’abitazione di un parente della vittima. Nessuno aveva  assistito all’accoltellamento, ma era stato  il comportamento dell’arrestato, che aveva fatto perdere le tracce dopo essersi recato in ospedale per vedere il figlio la notte dell’aggressione, a insospettire gli investigatori dell’Arma.

L'uomo era stato ascoltato dai militari ma non aveva riferito che era stato in compagniua del figlio nel  circolo ricreativo. I filmati di alcuni sistemi di videosorveglianza avevano immortalato due sagome di cui una molto simile a quella del padre. L’uomo si era disfatto del coltello a serramanico che portava sempre con sè, secondo le testimonianze raccolte dagli investigatori, e che ha utilizzato contro il figlio, con il quale aveva litigato. Al momento della cattura N.D. aveva  cercato di nascondersi nella cucina del ristorante in cui si era rifugiato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche