Cronaca

Sparatoria in piazza Bettolo, i fratelli Conte non parlano

Fermati dalla polizia hanno fatto scena muta dinanzi al Gip


Sparatoria in piazza Bettolo per motivi di droga: i fratelli Conte fanno scena muta dinanzi al Gip.

Difesi dall’avvocato Maurizio Besio si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. I fratelli Giuseppe e Umberto Conte, di 27 e 25 anni sono stai fermati ieri l’altro dai poliziotti della Squadra Mobile. Gli investigatori hanno accertato che il movente dell’agguato ai danni di un 22enne ( che era stato solo sfiorato dai proiettili),  era legato a contrasti riconducibili allo spaccio di droga in piazza Bettolo.

I provvedimenti sono stati emessi dal gip, dottor Giuseppe Tommasino su richiesta del pm, dott.ssa Marina Mannu.  La sera del 27 aprile del 2014 erano stati segnalati in piazza Bettolo colpi di pistola esplosi dai due giovani poi identificati nei fratelli Conte. Sul posto gli investigatori avevano trovato due bossoli calibro 6.35 e una scarpa marca Adidas, uguale sia per numero che per modello a quella rinvenuta successivamente in casa del 22enne poi risultato essere stato il bersaglio dei fratelli Conte. Secondo l’accusa avrebbero tentato di eliminare un concorrente per rafforzare il controllo sul traffico di sostanze stupefacenti nel loro quartiere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche