27 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Luglio 2021 alle 16:59:00

Cronaca

Attentato ai Tamburi, brucia nella notte il furgone di un fruttivendolo

E’ accaduto intorno alle 23 di martedì in via Archimede. Un paio d’ore dopo incendiata una macchina che era parcheggiata in via Campania


Notte di fuoco in città. Prima è stato dato alle fiamme il furgone di un fruttivendolo, al rione Tamburi, poi è stata  bruciata una macchina parcheggiata in via Campania.

Il primo attentato incendiario intorno alle 23, in via Archimede. Ignoti dopo aver versato liquido infiammabile su un Fiat Daily hanno appiccato il fuoco. Il mezzo, che è di proprietà di un commerciante di ortofrutta, ha subìto gravi danni. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del comando provinciale e i poliziotti della Squadra Volante.

Durante un sopralluogo è stata rinvenuta una bottiglia con residui di liquido infiammabile. Ora gli investigatori della questura stanno indagando per identificare gli autori del rogo e per accertare il movente del pesante atto intimidatorio. 

Un paio d’ore dopo è stata data alle fiamme un’autovettura che era parcheggiata in via Campania. Anche in quella circostanza sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco della caserma di via Scoglio del Tonno e gli agenti della questura. Anche in via Campania sono state rinvenute tracce di liquido infiammabile.

Nelle settimane scorse un altro commerciante tarantino era finito nel mirino. 

Ignoti avevano incendiato un furgone Renault Kangoo del proprietario di un esercizio commerciale del centro. Il mezzo era andato quasi completamente distrutto dalle fiamme. Sul posto oltre ai vigili del fuoco erano intervenuti agenti della Volanti e della Mobile, che avevano avviato indagini per risalire agli autori e al movente. Nei giorni precedenti erano stati esplosi colpi di pistola contro la saracinesca dell’esercizio commerciale di proprietà dello stesso negoziante.

La notte scorsa è toccato al fruttivendolo che ha visto distrutto il suo furgone da un incendio doloso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche