Cronaca

Rapina a colpi di stampella. Due arresti per un raid nella Villa Peripato

Due giovani sono stati picchiati e costretti a consegnare i telefonini cellulari. Uno dei malviventi era evaso dai “domiciliari”


Rapina a colpi di stampella: due arresti.

Gli agenti della Squadra Mobile in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare richiesta dal sostituto procuratore dr.ssa Marina Mannu, hanno fermato il trentaseienne Antonio D’ Ippolito e  il ventenne Francesco Scarnera, entrambi già noti alle forze dell’ordin. Rispondono di concorso in rapina e di lesioni personali.

Entrambi sono ritenuti autori di una rapina verificatosi lo scorso 10 maggio all’interno della villa Peripato.

Secondo l’accusa D’ippolito e Scarnera  dopo aver minacciato e malmenato, anche con l’uso di una stampella, due ragazzi che si trovavano all’interno della  villa comunale hanno sottratto alle vittime i telefonini cellulari e i documenti.

Dopo l’aggressione i malcapitati hanno dato l’allarme e sul posto sono intervenuti gli agenti della questura ai quali hanno fornito gli elementi utili per identificare gli autori della rapina.

I ragazzi hanno poi dovuto far ricorso alle cure dei sanitari i quali li hanno giudicati guaribili in una settimana. I presunti autori della rapina sono stati poi identificati e per loro il pubblico ministero, dott.ssa Marina Mannu ha richiesto l’arresto. Antonio D’ Ippolito, inoltre, deve rispondere anche del reato di evasione in quanto il giorno in cui  ha compiuto la rapina era detenuto agli arresti domiciliari.

I due fermati, dopo gli accertamenti di rito eseguiti negli uffici della questura di via Palatucci , sono stati trasferiti nella casa circondariale di largo Magli. Entrambi  nei prossimi giorni saranno interrogati dall’autorità giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche