18 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 17 Settembre 2021 alle 23:59:00

Cronaca

Liviano, emozione da primo giorno. Ecco chi sono gli altri assessori

Il nuovo esecutivo pugliese


La sua prima comunicazione pubblica, da assessore, è stata questa: “Affido alla Vergine Maria e a mia mamma questo nuovo percorso che sta per iniziare”.

Gianni Liviano, neo assessore alla Cultura, è uno dei membri della giunta regionale pugliese appena formata.

L’unico tarantino: per lui, dunque, un’emzione speciale. A Liviano è stata affidata la delega all’industria culturale e turistica. Sfida non da poco in un territorio, quello tarantino, che su questo fronte viene percepito come una ‘cenerentola’ nel contesto di una regione, la Puglia, che invece sul turismo ha costruito molte delle sue fortune.

Come noto, Emiliano aveva nominato a sorpresa le tre ‘grilline’ elette in Consiglio regionale: Rosa Barone, con la delega all’Agricoltura, Antonella Laricchia con la delega all’Ambiente, e Viviana Guarini con la delega alle Risorse umane, però le tre hanno immediatamente rifiutato la nomina.

Ieri a Taranto, che Emiliano ha detto essere una “grande giornata di ascolto della città”, hanno partecipato i primi sette assessori: due donne nominate dal presidente tra i non consiglieri, e i cinque scelti dai cittadini (in una rosa di dieci che era stata indicata dallo stesso Emiliano).

Tra i neo assessori ci sono due uscenti della giunta Vendola (entrambi del Pd): Loredana Capone e Gianni Giannini. Gli altri sono Annamaria Curcuruto, Raffaele Piemontese (Pd), Giovanni Liviano (Lista Emiliano sindaco di Puglia), Sebastiano Leo (Noi a sinistra per la Puglia), e Totò Negro (Popolari).Il presidente della Regione, ha confermato Emiliano, “terrà per sé” la delega alla Sanità, decisamente delicata. Restano al momento al presidente anche le tre deleghe in quota al Movimento 5 Stelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche