26 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 26 Luglio 2021 alle 13:59:00

Cronaca

Tra i migranti anche 3 ricercati

Tra gli arrestati un marocchino che deve scontare 7 anni per droga e un algerino che deve espiare 5 mesi per violenza a pubblico ufficiale


Tra i migranti si nascondevano tre ricercati. Durante l’operazione di identificazione dei 613 profughi giunti nel porto di Taranto, a bordo della nave della Marina Militare svedese “Triton”, gli agenti della Polizia di Stato hanno scovato e arrestato tre  extracomunitari sulle quali pendeva un ordine di carcerazione emesso da altrettante Procure italiane.

Gli agenti della Squadra Mobile hanno fermato un cittadino di nazionalità algerina, di 39 anni, destinatario di un ordine di carcerazione di quasi 5 mesi di reclusione emesso dalla Procura presso la Corte d’Appello di Torino, per violenza a minaccia a pubblico ufficiale, reati commessi nel dicembre del 2006.

E’ anche emersa la posizione di un 38enne di origine marocchina, il quale,  per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti deve scontare 7 anni di carcere. Il provvedimento restrittivo emesso Procura presso la Corte d’Appello di Lucca. Anche in questo caso il reato risale al 2004. Infine gli agenti dell’Ufficio Immigrazione, hanno identificato, nonostante i numerosi nomi falsi, un 33enne marocchino destinatario della misura dell’espulsione dal territorio italiano in alternativa a quella della detenzione.
Per il magrebino,  che aveva il divieto di rientro sul suolo italiano non prima del 2022, è stata ripristinata la detenzione.

Tutti gli arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati condotti nella casa circondariale di largo Magli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche