28 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 28 Ottobre 2020 alle 11:48:46

Cronaca

Aggredito e picchiato brutalmente un autista Amat, frattura del setto nasale

L'incredibile episodio questo pomeriggio al Paolo VI


Nuova aggressione ai danni di un autista dell’Amat spa. Il grave episodio è avvenuto oggi pomeriggio. Attorno alle 15, mentre percorreva viale della Liberazione al quartiere Paolo VI, un bus della linea 17 è stato preso a sassate da un gruppo di ragazzini rimasto ignoto.

Il conducente, di 46 anni, continuando a guidare, ha manifestato ad alta voce disappunto per il pericolo che in quel momento stavano correndo i passeggeri.

A darne notizia è il presdiente dell'Amat, Francesco Walter Poggi che ha precisato: «Questa reazione, evidentemente, non è piaciuta a un passeggero che si trovava in fondo al mezzo il quale ha percorso in tutta la sua lunghezza il bus, s’è avvicinato alla postazione dell’autista, ha cominciato a litigare quasi difendendo l’operato dei piccoli vandali e subito dopo è passato alle vie di fatto. Il conducente ha dovuto far fronte all’aggressione e sono volati dei pugni. Il bus non ha riportato danni e ha fermato la sua corsa sul luogo dell’aggressione».

«Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Paolo VI – ha proseguito il Presidente Amat -, che hanno ascoltato una testimone, e gli uomini del 118 per prestare le prime cure. Poi l’autista è stato accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale Santissima Annunziata dove è stato sottoposto a una serie di esami. Ha ricevuto numerosi colpi alla nuca e qualcuno in faccia che hanno provocato abbondante emorragia dal naso con probabile frattura del setto nasale».

«Ancora un’aggressione ai danni di un nostro lavoratore – è il commento del presidente – al quale esprimiamo grandissima solidarietà assicurando, come in tutti i casi di questo genere, il massimo dell’assistenza. Il mestiere di conducente di un mezzo pubblico presenta dei rischi e l’episodio di oggi, purtroppo, ne è la dimostrazione. I nostri sforzi sono rivolti a garantire la sicurezza ai passeggeri e ai nostri dipendenti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche