18 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Maggio 2021 alle 08:41:07

Cronaca

Il dramma del lavoro, gli operai Isolaverde: “Pronti a buttarci nel vuoto”. Le foto

I lavoratori che ieri hanno occupato l’anticamera della Presidenza, hanno passato la notte in Provincia


La tensione è ormai alle stelle. Hanno passato la notte in Provincia i lavoratori di Isolaverde che ieri hanno occupato l’anticamera della Presidenza.

Questa mattina, invece, il gesto eclatante di uno di loro che, affiancato da un gruppo di colleghi, gli stessi che ieri hanno protestato con l’occupazione, ha minacciato di lanciarsi nel vuoto da una delle finestre di Palazzo del Governo, affacciate sul Lungomare.

Immediato l’intervento dei Vigili del Fuoco che, giunti sul luogo della protesta, hanno posizionato un materasso da salto a scopo precauzionale, in direzione della porzione di edificio dove si trovavano gli operai. Intanto, sulla strada statale 106, prosegue l’occupazione di uno stabile pericolante, da parte di altri lavoratori della società partecipata della Provincia.

Una quindicina di persone che, l’altro ieri, hanno deciso di manifestare in questo modo l’esasperazione maturata negli ultimi mesi. I dipendenti sollecitano un incontro urgente con il Prefetto e con il Presidente Tamburrano. Nelle ultime ore ancora nessun segnale è arrivato dalle istituzioni, nessuna risposta sulla questione controversa dei 950 mila euro che la Provincia potrebbe usare per dare un po’ d’ossigeno alla multiservizi. Fino ad un paio di giorni fa era certo che quei soldi che rappresentano un risparmio economico derivante dal ciclo dei rifiuti non fossero nella disponibilità della Provincia, ma della Regione. Stando invece alle ultime indiscrezioni, sarebbero già nelle casse dell’Ente, che però non avrebbe provveduto a cambiarne la destinazione d’uso. Un deposito di denaro, per così dire, bloccato.

C’è addirittura chi si è spinto ad ipotizzare che queste risorse siano già state impiegate in altri ambiti. Solo il Presidente Tamburrano potrà chiarire questo punto. L’angoscia per il futuro che accompagna da mesi le giornate dei dipendenti Isolaverde lascia ormai immaginare scenari anche più foschi di quelli che attualmente sono sotto gli occhi di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche