Cronaca

Isolaverde, è la resa dei conti

Nuovamente bloccata l'altra sera la Statale 106


I lavoratori di Isolaverde della Flaica Cub hanno nuovamente bloccato la strada statale 106, l'altra sera, precisamente il lato di carreggiata in direzione di Reggio Calabria. Sono rimasti sul posto tutta la notte, con loro anche Polizia e Vigili del Fuoco.

La protesta è terminata oggi, a mezzogiorno, ma per i 231 dipendenti della multiservizi non ci sono, purtroppo, novità. Dalle istituzioni ancora nessuna notizia sugli stipendi arretrati. Ricordiamo che i lavoratori della società della Provincia avevano firmato i contratti di solidarietà, ma i loro compensi sono fermi al mese di marzo.

Gli ultimi incontri tra Martino Tamburrano, presidente della Provincia e il governatore della Puglia Michele Emiliano fanno intravedere qualche spiraglio per il periodo seguente all’estate, quando per Isolaverde potrebbe riprendere l’attività.

Ci sono i famosi 950 mila euro, residuo del risparmio economico derivante dal ciclo dei rifiuti, che una delibera della Regione dovrebbe sbloccare. Sembra che la Provincia abbia provveduto a cambiare la destinazione d’uso di quei fondi, operazione propedeutica all’impiego del denaro, in questo caso, in favore di Isolaverde.
Intanto questa mattina alcuni rappresentanti sindacali di Filcams Cgil e Uil attendevano, in via Anfiteatro, presso Palazzo del Governo, di poter parlare, ancora una volta con il Presidente Tamburrano, che ieri ha incontrato i sindaci dei comuni della provincia. Si spera che questo incontro sia servito anche ad individuare progetti da affidare ad Isolaverde.

Si attendono inoltre i risultati dell’imminente riunione della Giunta regionale. Emiliano si è dichiarato disponibile a trovare delle soluzioni per restituire alla multiservizi la possibilità di riprendere l’attività. Domani infine è in programma un’assemblea generale dei lavoratori, presso la sede della società, in via Dario Lupo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche