18 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Maggio 2021 alle 08:41:07

Cronaca

Teleperformance, tutti plaudono all’intesa raggiunta: “Bene così”

Soddisfazione per l’accordo raggiunto con le organizzazioni sindacali


Teleperformance in una nota esprime soddisfazione per l’accordo raggiunto con le organizzazioni sindacali, perché consente di proseguire l’attività salvaguardando il perimetro occupazionale nei siti di Taranto e Roma.

Questo risultato è stato raggiunto al termine di un lungo percorso di trattative, che è arrivato ad un traguardo condiviso grazie alla sensibilità delle parti ed al supporto del Governo, nella persona del Sottosegretario del Ministero del Lavoro on. Teresa Bellanova, che ha messo a disposizione gli strumenti per attivare i contratti di solidarietà che avranno la durata prevista di un anno.

L’intesa prevede due ulteriori incontri tra azienda e sindacati in autunno per concordare l’applicazione della necessaria flessibilità e la incentivazione della produttività: entrambi gli appuntamenti avranno una rilevanza strategica per proseguire nel percorso di recupero di efficienza e competitività.

“Messi da parte gli eccessi e le forzature, è prevalso il buonsenso, così come avevamo auspicato. Un risultato ottenuto grazie al dialogo tra le parti e grazie alla sapiente regia del sottosegretario Teresa Bellanova.

L’impegno per salvaguardare il comparto del call center tarantino e garantire un futuro all’attività e ai lavoratori ha avuto l’esito sperato. L’accordo sottoscritto rasserena tutti e induce ad essere fiduciosi per il futuro, guardando a questo con una maggiore serenità, in riferimento, in particolare, ai lavoratori e alla salvaguardia dei livelli occupazionali.
Da oggi possiamo contare su nuove garanzie per tutelare e valorizzare il settore call center a Taranto, che rappresenta una fetta importante della nostra economia e  – da un punto di vista sociale – il presente e il futuro per migliaia di famiglie”. Così il parlamentare del Pd, Michele Pelillo.
Plauso anche dai sindacati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche