Cronaca

Isolaverde, la protesta si sposta a Bari

Ieri l’assemblea dei lavoratori nella sede di via Dario Lupo La prossima si presenta come una settimana davvero decisiva


I lavoratori di Isolaverde hanno tenuto, ieri mattina, un’assemblea presso la sede della società, in via Dario Lupo. La prossima settimana potrebbero dare il via ad un’altra serie di manifestazioni di protesta.

Il problema principale che si trovano ad affrontare, in questo momento, oltre all’assenza di attività lavorativa, è la mancata riscossione degli stipendi. Le proteste degli ultimi giorni, compreso il blocco della statale 106 da parte di alcuni di loro, e la minaccia di un operaio di lasciarsi cadere nel vuoto da una delle finestre di Palazzo del Governo, hanno tutte la stessa matrice: la disperazione. “Siamo senza stipendio da marzo, non sappiamo più cosa fare”.

Le notizie sui fondi che potrebbero ridare ossigeno ai 231 dipendenti della società, ovvero che potrebbero restituire loro il lavoro, sono contrastanti. Secondo alcune fonti, oltre ai 924 mila euro corrispondenti ad un residuo relativo al ciclo dei rifiuti, cui la Provincia potrebbe avere accesso, ci sarebbero altri 500 mila euro che potrebbero finanziare progetti per Isolaverde. Denaro che servirebbe per consentire ai lavoratori di tornare al lavoro, mentre sul destino della società, ormai in liquidazione, non è dato sapere ancora nulla.

Né si sa bene dove si potranno reperire i fondi per pagare i compensi arretrati. Per il momento, l’unica notizia certa è che la prossima settimana le organizzazioni sindacali e il Presidente della Provincia Martino Tamburrano incontreranno, a Bari, il governatore Michele Emiliano, per vedere di individuare una strada da seguire per garantire la sopravvivenza della multiservizi.

L’incontro dovrebbe tenersi, salvo slittamenti, mercoledì 5 agosto, alle 15.00, presso la sede della Regione Puglia. Ad attivarsi nell’interesse dei lavoratori è, in queste ore, il consigliere regionale di Oltre con Fitto, Renato Perrini, con un’iniziativa che mira a coinvolgere il gruppo pugliese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche