Cronaca

Michele Emiliano: “Non abbandoneremo mai Taranto”

Passaggio decisivo per la sopravvivenza dell’istituto musicale. Oggi un vertice convocato dal Prefetto, Umberto Guidato


“Non abbandoneremo mai Taranto”. Poche ma chiare le parole con cui il presidente della Regione, Michele Emiliano, commenta il salvataggio dell’istituto musicale Paisiello.

Con la sottoscrizione dell’accordo siglato tra Provincia di Taranto, Regione Puglia e MIUR, si traghetta l’Istituto di Istruzione musicale “Paisiello” fuori dalle secche nelle quali era precipitato dopo la messa in mobilità del personale docente. L’intesa prevede, per le smagrite casse della Provincia, un’iniezione di liquidità (tre milioni di euro) che servirà a garantire il pagamento delle retribuzioni per l’A.A.2015/16.

“Un passaggio decisivo, commenta Giancarlo Turi Segretario Generale della UIL di Taranto, per disegnare quella transizione che si concluderà con la “statizzazione” dell’Istituto, l’obiettivo finale cui tendere. Unico approdo sicuro, che consentirà, agli artisti del Paisiello, di potersi dedicare, unicamente, alla loro professione, molto oltre le insidiose complicazioni che il nostro apparato amministrativo propone”.

“Un atto di grande attenzione, prosegue il Segretario, da parte delle Istituzioni, che hanno testimoniato, in maniera tangibile, la volontà di contribuire alla ripresa del territorio, con  un’azione sinergica e tempestiva. Quando, poi, l’ambito trattato è quello della cultura, la soddisfazione è ancora maggiore”.

Occorrerà, ora, perfezionare, già nel corso dell’incontro, convocato dal Prefetto di Taranto, per domani, i passaggi successivi, che superino la ”dichiarazione di soprannumerarietà” del personale  e che non alterino “la continuità del rapporto di lavoro a tempo indeterminato” stipulato dai docenti con la Provincia di Taranto.

Il percorso di tutela dei lavoratori, degli studenti e delle loro famiglie taglia un primo traguardo importante: garantire la continuità dell’azione didattica ed educativa dell’Istituto nel tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche