29 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 28 Novembre 2020 alle 16:10:37

Cronaca

Marò, lunedì udienza al Tribunale del mare

Il caso marò sarà discusso ad Amburgo


Lunedì prossimo, il caso marò sarà discusso dal Tribunale internazionale sul diritto del mare di Amburgo.

L’Itlos dovrà decidere sulla possibilità che il tarantino Massimiliano Latorre possa rimanere in Italia e che il barese Salvatore Girone possa tornarvi in attesa che l’arbitrato internazionale stablisca a chi spetti la giurisdizione del caso.  Intanto, ha giurato il giudice ad hoc, il prof. Francesco Francioni, scelto dall’Italia in vista delle udienze di lunedì e martedì.

L’udienza sarà presieduta dal giudice russo Vladimir Golitsyn. Il Tribunale conta già un giudice di nazionalità indiana, P. Chandrasekhara Rao, per cui l’India non ha dovuto nominarne uno ad hoc nel contenzioso che la vede opporsi all’Italia nel caso cosiddetto "Incidente della Enrica Lexie", la nave su cui operavano Massimiliano Latorre e Salvatore Girone nel febbraio 2012 quando furono accusati della morte di due pescatori indiani scambiati per pirati.

L’India ha preannunciato che contesterà all’Itlos la sua stessa giurisdizione in quanto solo New Delhi ha la titolarità a decidere. Infatti sostiene  che l’incidente  della Enrica lexie avvenne in acque indiane e l’arresto è avvenuto  in un porto indiano.

L'Italia ha fatto ricorso al tribunale internazionale sul diritto del mare di Amburgo per chiedere "misure cautelari" nei confronti dei due fucilieri come detto il rientro in Italia di Salvatore Girone e la permanenza di Massimiliano Latorre e la fine della giurisdizione indiana per tutto il periodo della procedura arbitrale avviata dall’Italia il 26 giugno scorso.
Lunedì e martedì prossimo quindi  l’Itlos ascolterà le posizioni dell’Italia e dell’India e prenderà una decisione entro massimo  tre settimane.

Sia il giudice italiano che quello indiano saranno inoltre "arbitri" nel procedimento alla Corte di arbitrato dell’Aja.

Il prof. Francesco Francioni  ha un curriculum di tutto rispetto: dagli studi a Firenze e Harvard a professore emerito di diritto internazionale all’Istituto europeo di Firenze, docente di diritto internazionale presso la Luiss Guido Carli di Roma, passando per professore associato a Oxford, visiting professor alla Columbia Law School.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche