Cronaca

Furto all’Arsenale, due arresti

Dopo aver rubato numerose batterie navali sono finiti ai “domiciliari” un dipendente civile addetto alla vigilanza e un suo amico disoccupato


Arsenale: addetto alla vigilanza arrestato per furto.

Un dipendente civile e un suo amico disoccupato sono finiti nella rete dei carabinieri che operano all’interno dell’Arsenale della Marina Militare.

I militari del nucleo operativo della Compagnia Marina Militare di Taranto al termine di una mirata attività d’indagine hanno colto con le mani nel sacco un cinquantottenne  tarantino, addetto ai servizi di vigilanza dell’Arsenale Militare, e un trentatreenne di Grottaglie.

Quest’ultimo, con la complicità del primo, dopo essere entrato illecitamente all’interno del sito militare con un camion ha portato via  da un magazzino in disuso 21 batterie navali e una morsa da banco.

I carabinieri, che da tempo stavano monitorando i movimenti dell’addetto ai servizi di vigilanza del comprensorio, hanno bloccato il 33enne mentre alla guida dell’autocarro sul quale era stata caricata la refurtiva, stava tentando di uscire dal sito dell’ingresso secondario. I due su disposizione dell’autorità giudiziaria sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

Le nuove misure di sorveglianza adottate dal Comando Marittimo Sud, finalizzate al contrasto al fenomeno dei furti in ambito militare hanno subito dato i loro frutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche